«TO ALL NEW ARRIVALS - Faithless» la recensione di Rockol

Faithless - TO ALL NEW ARRIVALS - la recensione

Recensione del 27 mag 2007 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Basterebbe il video che ha anticipato questo disco – uscito lo scorso autunno in Inghilterra, da noi è reperibile solo in digitale– per capire su quali coordinate viaggia la musica dei Faithless. La canzone è “Bombs": su una base elettronica si alternano il rap di Max Jazz con una voce più melodica; le immagini, invece, fondono scene felici (bambini che giocano, famigle sulla spiaggia, uomini al lavaggio festivo dell'auto) con scene ormai normali: soldati, portaerei, guerre, esplosioni. Due mondi paralleli, in cui chi è felice ignora l'orrore, fino alla fine quando un mondo si accorge dell'altro. Il video, censurato da MTV America, rappresenta bene non solo i temi musicali del gruppo, ma la sua anima: melodie, ritmi ballabili o elettronica rilassante (“chillout”, direbbe qualcuno) che però non rinuncia a raccontare la realtà odierna, anche a dire le cose in faccia.
“To all new arrivals” - Il titolo è un riferimento ai figli avuti recentemente da Rollo e Sister Bliss - è un disco che prosegue nella tradizione di “musica dance colta”, un genere che solo i Faithless sanno praticare, alla faccia di chi crede che l'elettronica debba necessariamente svuotare la testa con i beat e con testi nonsense. Il singolo è solo la punta di diamante di un lavoro che conferma i Faithless come una delle più belle realtà musicali odierne. Da un lato ci sono proprio Rollo e Sister Bliss, le due anime musicali del gruppo, che costruiscono tappeti sonori variegati, certe volte piacevolmente “tamarri” quando ammiccano ai tormentoni da discoteca (così come avviene in “To all new arrivals” e come già avvenne in “God is a DJ” e “We come one”), talvolta più strutturati e complessi. Dall'altro c'è la voce calda e avvolgente di Maxi Jazz, capace di parlare con la massima soavità di cose scioccanti. In mezzo ci sono i vocalist ospiti, a cui è affidato spesso il compito della melodia. C'è Dido (sorella di Rollo, che nei Faithless ha iniziato la sua carriera), a questo giro c'è anche Cat Power e Robert Smith che ricanta, anzi riscrive “Lullaby” dei suoi Cure, trasformata in “Spiders, crocodiles & kryptonite".
Insomma, “To all new arrivals” è un altro piccolo capolavoro, da ascoltare senza pregiudizi, sia che si ami la dance, sia che si apprezzi la musica di denuncia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.