«STARS OF CCTV - Hard-Fi» la recensione di Rockol

Hard-Fi - STARS OF CCTV - la recensione

Recensione del 01 mar 2006 a cura di Paola Maraone

La recensione

Sulla scia dei Madness e degli Small Faces s’affaccia alla vita pubblica un nuovo gruppo proveniente dall’onesta working class britannica: basta guardare il video di “Hard to beat”, zeppo di tavoli da biliardo, boccali di birra e auto scassate, per averne un’impressione nettissima. Musicalmente, un riferimento su tutti: i Clash. Riadattati, certo, e resi contemporanei dall’attitudine neo-urban degli Hard-Fi, ragazzotti ribelli e genuini, che con due sterline o poco più si sono autoprodotti e pubblicati un minialbum, poi rieditato dalla Atlantic, infine trasformato in un vero e proprio album: questo.
Salutati dai più come una delle rivelazioni del 2006, gli Hard-Fi sono in effetti onesti e sinceri, e mettono assieme un bel lavoro indie, tra pop e ska-punk – anche se il loro sogno non è tanto quello di battere altre piccole band del settore, quanto, se possibile, “vedersela un giorno con Eminem e gente del suo calibro”. Qui ci sono canzoni destinate a diventare classici del genere, come la disco-pop “Tied up too tight”, ma anche pezzi musicalmente più intensi e concettualmente più politici (vedi Iraq) come “Middle Eastern holiday”. E poi brani delicati, e femminili, come “Move on now” (non aspettatevi romanticherie alla Elton John: gli Hard-Fi restano sobri e composti, quando parlano d’amore), e all’opposto pezzi ballabili e pieni di chitarre, come moda comanda (lo stesso “Hard to beat”, uno dei più riusciti dell’album).
I temi, oltre alla politica e all’amore, sono le piccole gioie e le sofferenze del quotidiano: il gruppo sarebbe la colonna sonora ideale del primo Ken Loach. Musicalmente altri paragoni sono possibili: con i Gorillaz, i Bloc Party, gli Streets; con gli Strokes, per il sound che comunque naviga in un’atmosfera garage e per l’uso disinvolto della voce di Richard Archer; con gli Oasis, per i momenti più lirici. Chi li ha visti dal vivo dice meraviglie: del gruppo piacciono soprattutto la spontaneità e la sfrontatezza – purtroppo destinate a perdersi col tempo. Per ora bisogna goderseli così, gli Hard-Fi: un po’ crudi, un po’ poco rifiniti, che in tempi di produzioni ipertrofiche non è necessariamente un male. Su tutto, una perplessità: cosa vogliono fare da grandi questi ragazzi? Restare attaccati al modello-Clash, sebbene rivisitato? Spostarsi ulteriormente verso i più trendy Strokes? Trovare una strada propria, più originale? Quest’ultima ipotesi sarebbe la più auspicabile per trasformare gli Hard-Fi da one-hit wonder o poco più a band capace di dare – sul serio – filo da torcere a Eminem.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.