«GRADUATED FOOL - Anouk» la recensione di Rockol

Anouk - GRADUATED FOOL - la recensione

Recensione del 20 mar 2003

La recensione

Non era un fuoco di paglia. Questa testa calda, ex moglie, ora mamma, sempre un po’ matta, schivato il pericolo di venire catalogata come “One hit wonder”, continua a sfornare musica. E a farsi sentire, se necessario urlando. E a crederci. E’ la sensazione che si ha ascoltando “Graduated fool”, che in Italia tradurremmo con “matta diplomata”: un album più che mai rock, che però lascia spazio ai momenti di riflessione. A segnare il ritmo – e non è un ritmo da mezze calzette – ci sono pezzi uptempo, duri, aspri (“Too long” o “Everything”, che è anche il singolo di lancio dell’album) e qualche ballata un po’ obliqua, a ben pensarci molto triste (“Hail” ma anche la stessa “Graduated fool”). C’è poco che faccia urlare al capolavoro, ma la qualità media è alta, se siete emotivamente ben disposti qualche piccolo brivido sotto la pelle non mancherà. E tutto sommato in questi tempi affollati di nuovo hip-hop, nuovo r’n’b, nuovo nu jazz, una manciata di canzoni vagamente old style probabilmente non guasta. E poi, onore al merito (e allo sforzo): la giovane olandese, è chiaro, negli ultimi tre anni ha lavorato molto sia sulla voce (più profonda e curata, meno selvaggia di un tempo) sia sulle canzoni - musica e testi - anche grazie al partner artistico Bart van Veen.
Il risultato è un suono diretto, caustico a tratti, poco incline ai compromessi: qui non ci sono campionamenti né “intrusioni” acustiche, ma un rock puro e semplice che senz’altro vive e respira al suo meglio nella dimensione live. Non è un caso che l’ex enfant terrible e la sua band siano spesso in tournée - è certo da un palco, non dalle casse di uno stereo raffinato che un disco come “Graduated fool” riesce a trasmettere emozioni.


(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.