«VELENO - Mina» la recensione di Rockol

Mina - VELENO - la recensione

Recensione del 05 dic 2002

La recensione

In copertina c’è Mina ridisegnata dal trucco: spariti i nei, bistrati gli occhi, la bocca che assume un nuovo contorno, i capelli che sembrano una (bianca) cresta leonina. La donna che in Italia – quanto a voce – non ha mai temuto confronti torna alla carica con una nuova immagine, e mostra ancora una volta di poter reinventare se stessa a piacimento, mutando al mutare delle stagioni, elastica e versatile, capace di prendere sul serio molto il suo lavoro e - se necessario - poco o per nulla se stessa.
Di immutabile in Mina, nei suoi (primi) quarant’anni di carriera, a quanto pare c’è solo il talento. Che è grande e sorprendente e non circoscritto solo alla voce. Inutile notare, e far notare, quanto sia stata brava fino ad ora ad alimentare il proprio mito? Chi l’ha conosciuta bene (non noi) assicura che a scegliere canzoni non sia mai stata un granché brava. A sentire “Veleno” verrebbe da dire che qualcuno di bravo, ad aiutarla, è arrivato.
Vi è piaciuto “Succhiando l’uva”? Se non avete comprato il singolo quando è uscito all’inizio di ottobre potreste sempre ascoltarlo ora, assieme al resto dell’album. Che siate o no dei minofili lo troverete interessante, è quasi certo. Se n’è occupato di persona uno Zucchero in ottima forma.
Di qui in poi si potrebbe continuare con un’analisi song by song, o giù di lì: ecco Mina che vi aumenta lo zucchero nel sangue in “Certe cose si fanno”, bel testo di Bruno Lauzi per melodia dooolce, dooolce. Ecco Mina che con eleganza interpreta la raffinata canzone scritta per lei da Daniele Silvestri, che qui sembra un po’ spaventato dal compito (e che forse ha ceduto al timore di “non essere all’altezza”. Un po’ come Samuele Bersani, che ha scritto “In percentuale”, e che non ha l’aria di essere perfettamente a suo agio nel ruolo). Ecco Mina che fa sua “Notturno delle tre” di Ivano Fossati: “canzone che ela bellissima, lesta quasi semple bellissima”, dice il saggio cinese, e questo caso non fa eccezione.
Epperò, che volete che vi diciamo? Ascoltando “Veleno” (il titolo è tratto da una parola di “Ogni attimo”, traccia dieci, autrice Giulia Fasolino), più di tutte a noi resta impressa una cosa: la capacità di Mina di scherzare mentre canta. E per una che - come lei - della musica ha fatto una religione non è poco. Se qualcuno non è d’accordo si precipiti ad ascoltare la stessa “Succhiando l’uva”, con le sue “s” sibilate, sofferte, strascicate. O “Che fatica”, pregevole prova del pregevole Renato Zero, in cui i giochi con la voce si sprecano. Ma anche “Il pazzo”, forse il punto in assoluto più alto del disco, un brano di Giancarlo Bigazzi che interpretato da Mina trasforma un dramma in un episodio leggero, quasi sopportabile.
Questione di toni, di sfumature. Questione di feeling, e Mina lo sa bene. Del resto, ve lo ricordate? A fine anni Sessanta, lei riusciva a prendere in giro il diavolo (“Sacumdì, sacumdà”). A metà dei Settanta, si divertiva a canticchiare “Ma che bontà, ma che bontà, ma che cos’è questa robina qua?” (No, alla fine non era cioccolato). Pensavate che fosse cambiata così tanto?
(Paola Maraone)

TRACKLIST

02. Certe cose non si fanno
07. Notturno dele tre
11. Mente
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.