«COME AWAY WITH ME - Norah Jones» la recensione di Rockol

Norah Jones - COME AWAY WITH ME - la recensione

Recensione del 18 feb 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Incidere un disco di debutto per la Blue Note, storica etichetta Jazz del gruppo Capitol, è certo una garanzia. Norah Jones, però, non è una cantante jazz, anche se ha collaborato con il gruppo del chitarrista Charlie Hunter (un altro di casa alla Blue Note). Non lo è nel senso tradizionale del termine: in questo “Come away with me” non troverete standard reinterpretati, come capita in dischi di “colleghe” molto di moda ultimamente (leggi alla voce Diana Krall). O meglio non troverete solo quelle. L’album si chiude con “The nearness of you” di Carmichael/Washington, riletta per piano e voce, l’unico vero “standard” di un album che al jazz deve molto, ma almeno quanto al blues e al folk.
A dire la verità ciò che rende “Come away with me” un album che vale davvero la pena di ascoltare è il modo in cui la voce notturna e sensuale di Norah Jones si appoggia a strutture musicali semplici, mai eccessive, che pescano in ogni ramo della tradizione afroamericana. A ballate con una buona vena melodica e un impianto pianistico (lo strumento è suonato dalla stessa Jones) come “Nightingale” si alternano numeri più jazzati come l’iniziale “Don’t know why” a brani folkeggianti come “Shoot the moon” e “Lonestar” o bluesati come “Turn me on” per un disco che scorre via piacevole.
Tutto questo è merito sicuramente anche del produttore Arif Mardin, vecchia volpe che ha lavorato tanto con Aretha Franklin quanto con Carly Simon, i BeeGees o i Culture Club. Niente male per una ragazza nata nel 1979, che ha una classe vocale che più attempati colleghi e colleghe si sognano. Una ragazza oculata anche nelle scelte, soprattutto quelle della band che la accompagna: i suoi compari Lee Alexander (bassista) e Jesse Harris (chitarrista), oltre a suonare, firmano buona parte delle canzoni (11 su quattordici sono originali, la Jones ne ha scritte un paio, le altre sono opera del duo; le altre due “cover” sono “Cold cold heart” del nume tutelare del country Hank Williams e “Turn me on” di J.D. Loudermilk”). Tra gli ospiti anche Bill Frisell, chitarra in “The long day is over”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.