«COMATISED - Leona Naess» la recensione di Rockol

Leona Naess - COMATISED - la recensione

Recensione del 16 set 2000

La recensione

L’album di debutto di Leona Naess raccoglie in dodici tracce una serie di riflessioni sull’amore e sulle relazioni in generale (familiari, di amicizia), sentimenti che vengono esplorati e su cui la giovane interprete si interroga con l’ansia di comprenderne le dinamiche, spesso lasciando spazio alla melanconia ma sempre con un’energia di base. Nota nell’ambiente discografico fino a oggi principalmente per essere l’ex-figliastra di Diana Ross, con alle spalle una storia da rampolla del jet-set internazionale, Leona Naess sceglie nelle sue canzoni la strada della normalità e dell’intimismo, del racconto dei propri stati d’animo, delle cose piccole. Un primo pregio delle canzoni della Naess è proprio quello di essere oneste, dirette nella loro semplicità. La Naess non gioca a fare l’impegnata, né l’arrabbiata: scrive canzoni che potremmo dire minimaliste, che esprimono desideri forse banali, ma che spesso sono quelli che si provano (“All I want is a king to love me/ Well, then I think I’d be happy/ With all this noise/ Crashing through my head/ I will be silent with him in my bed”). Musicalmente, le canzoni di “Comatised” si prestano piuttosto bene al gioco dei richiami, con suggestioni pescate da Luscious Jackson a Joni Mitchell, con la abile regia di Scott Litt che ha collaborato a molte delle tracce dell’album. Le canzoni sono costruite sul nucleo base di voce e chitarra acustica (si ascolti al proposito la melanconica “Chosen family”, un po’ alla Suzanne Vega), arricchite di variazioni che, nella prima parte dell’album sono piacevolmente distorte e low-fi, ricordando a tratti Pj Harvey (“Chase”). Il problema è che nel succedersi dei brani della tracklist, questa energia iniziale si scioglie in un susseguirsi di ballate senza più momenti davvero trascinanti come può essere il riuscito singolo “Charm attack”. Un debutto interessante, che in certi momenti promette bene.

(Laura Centemeri)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.