Perché la musica italiana ha bisogno di Samuele Bersani

Il cantautore pubblica "Cinema Samuele", un antidoto ai tormentoni, alle canzoni fatte in serie. "Non è un lavoro in pellicola ma ha l'ambizione di esserlo. Il più bel complimento che ho ricevuto: 'scrivi cortometraggi per non vedenti"
Perché la musica italiana ha bisogno di Samuele Bersani

"Canzoni d'amore altamente nocive per un cuore già troppo pulsante": quando ho sentito queste parole, quando ho sentito il primo singolo "Harakiri" ho tirato un sospiro e ho pensato: finalmente una boccata d'aria. Samuele Bersani è tornato. Domani pubblica "Cinema Samuele" a sette anni di distanza da "Nuvola numero nove".  
Finalmente un album-album e delle canzoni-canzoni, dopo la sbornia di tormentoni tutti uguali, quelli che sembrano creati con un generatore automatico: prendi un cocktail, una località esotica, due featuring, usa quel ritmo, fai quel video, shakera bene, e zac. Non fraintendemi: amo il pop, la leggerezza totale ci vuole, ogni tanto. E so benissimo che il successo e i numeri dei tormentoni permetono all'industria della musica di investire e pubblicare altri album, che hanno un pubblico più ristretto: è un meccanismo che è nato ben prima dello streaming. Questo non è un articolo contro l'invasione del reggaeton (anche se...). E so benissimo che la musica italiana è ricca di autori e autrici che hanno il loro stile e hanno  buoni risultati.
Questo è un articolo per ricordare quanto è bravo Samuele Bersani, per dire quanto è bello "Cinema Samuele": ce ne vorrebbero di più come lui, ci vorrebbero più album come questo. Farebbero bene alla musica e all’umore in generale,  anche se è impossibile, perché Samuele è un unicum, con la sua capacità di unire profondità e leggerezza, semplicità e complessità, con il suono giusto (ottimo il lavoro su questo album di Pietro Cantarelli).

Mi sono innamorato di questo album fin dalla copertina e dal racconto: l'idea che le canzoni siano film non è nuova, per carità: ma è eseguita da "Cinema Samuele" in maniera magistrale. "Non è un lavoro in pellicola ma ha l'ambizione di esserlo. Il più bel complimento che mi è stato fatto è quando una ragazza mi ha detto: 'tu scrivi cortometraggi per non vedenti", ha raccontato Bersani alla presentazione di oggi - che ovviamente si è svolta in un cinema." Prima ho scritto le musiche come delle colonne sonore, senza melodie. Il resto è arrivato dopo", ha spiegato, dopo avere accennato ad un periodo di buio, in in cui non riusciva a scrivere.

Nel disco ci sono diversi riferimenti al grande schermo, non solo in Harakiri: “Ho un miliardo di pixel senza essere Spielberg”, esordisce in “Pixel”. E poi gioca sul fatto di costruire racconti cinematografici in cui i personaggi si confondono con il narratore: “Indovino il cattivo di un film/anche in meno di dieci secondi” ("Mezza bugia”). O ancora, quando canta “È un dono che mi porto come un peso enorme e faccio a meno di abusarne” non sai se sta parlando di un personaggui o di sé, e dei suoi tempi e modi di fare musica. Lo stesso quando ironizza sulla stampa: per una volta un artista che non si lamenta dei giornalisti, ma racconta il rituale de “L’intervista” ironizzando su tutte le parti in gioco, a partire dagli artisti: “Il tempo che il supremo artista/mi può concedere è un briciolo/durante il quale non si presta /a raccontarmi i suoi progetti / o almeno una novità  e mi risponde scocciato /sono le 10 ed è già /completamente ubriaco”. "Mi sono messo nei vostri panni quando avete a che fare nei vostri panni quando avete a che fare con dei fenomeni che sono più arroganti che interessanti", racconta Samuele. "Ma è anche una canzone sul sopruso. Per me il modello è Lucio, che era l'opposto: era uguale con il giornalista e con la persona incontrata per strada. Ci sono artisti che già a 20 anni mi stanno sui coglioni". 

C’è anche un po’ di polemica sui come passiamo la nostra vita di fronte ad uno schermo, a partire da "Pixel". Ma a dominare anche qua è l’ironia, non l’invettiva: "Non conta altro più di quello che clicco/Da quanto non mi vedi con il collo dritto?/Mi muovo in ogni parte del mondo senza viaggiare, sai/che non ho mai preso neanche un aereo? “(“Scorrimento verticale”)

Qualche tempo fa ho letto un'intervista al semiologo Paolo Fabbri, poi mancato lo scorso giugno. Diceva che la nostra società è ossessionata dalla "quantofrenia", ovvero "la tendenza a quantificare la realtà attraverso i sistemi di big-data". È assurdo, diceva Fabbri, perché i numeri non danno il senso del testo, non restitiuscono il suo valore.
Ecco, vale anche per la musica. Ed è bello che escano dischi come questo che sfuggono ai generi, alle mode, e ai meccanismi dei soliti conteggi. La musica ha bisogno del pop, dello streaming e di tutta ciò che gli gira attorno, ma ricordiamoci che non è l'unica strada possibile, come una lettura delle classifiche potrebbe farci pensare.
L'antidoto è più dischi come questo: “La luce filtra dalle grate e i grilli fuori cantano il disco dell’estate” - ecco, i tormentoni lasciamoli ai grilli, ogni tanto, e godiamoci la luce che filtra da queste canzoni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
29 apr
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.