«INTERNAL WRANGLER - Clinic» la recensione di Rockol

Clinic - INTERNAL WRANGLER - la recensione

Recensione del 31 mag 2000

La recensione

I Clinic sono un caso di felice confusione creativa. Che i quattro siano amanti del paradosso, si può notare già dalle immagini che li ritraggono in camice, mascherina (tutto normale fin qui, visto il nome che si sono scelti) e giacche che sembrano rubate ai Beatles di “Sgt. Pepper”. La conferma arriva da “Voodoo wop”, prima traccia di “Internal wrangler”: percussioni tribali a cui si appiccica una breve coda con onde del mare e brevi vocalizzi angelici. Il timore di essere incappati in adepti della new age viene però immediatamente fugato da “The return of Evil Bill”, rock’n’roll costruito su un riff di un accordo che non sarebbe spiaciuto ai Cramps, che sembrano essere i padri ispiratori anche della title-track. Solo che qui non ci sono gli stravolgimenti horror-erotici tanto cari a Lux Interior e Poison Ivy, ma c’è un’aria di sottile follia malaticcia. I Clinic rimescolano le carte del rock’n’roll in modo sorprendente, facendo tesoro degli insegnamenti di quanti hanno recuperato certi elementi stilistici del passato, senza rispettarne necessariamente l’aspetto formale (i già citati Cramps o Jon Spencer, ad esempio). A loro volta, la band inglese si sente libera di strapazzare tali modelli, inserendo spesso e volentieri la melodica come strumento guida, saltando dal country deforme di “C.Q.” ai toni placidi di “Earth angel” e “Goodnight Georgie”, fino al pum-pum da techno a bassa fedeltà di “2/4”. Il tutto senza suonare come un manipolo di sperimentatori intenti a incrociare il dna di forme musicali diverse: alla larga da intellettualismi, ascoltando “Internal wrangler” ci si diverte. Loro stessi non sembrano intenzionati a atteggiamenti particolarmente seriosi, a giudicare da scherzetti come “Hippy death suite” (uno strumentale di poco più di un minuto) o una tredicesima traccia vuota, prima dell’ultimo pezzo. John Peel li ha già inclusi da un pezzo nella lista dei suoi gruppi preferiti, e vale la pena di seguire i suoi consigli. D’altra parte, il dj più celebrato del rock inglese ci ha già visto giusto in molte altre occasioni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.