Rockol Awards 2021 - Vota!

«GREENFIELDS VOL. 1 - Barry Gibb» la recensione di Rockol

Greenfields vol 1: il canzoniere dei fratelli Gibb in salsa country-pop.

Barry, l'unico rimasto dei fratelli Gibb, messa in pensione il nome della premiata ditta Bee Gees, porta a Nashville le migliori canzoni e le reinterpreta con Jason Isbell, Dolly Parton, Keith Urban e altre stelle del country.

Recensione del 12 gen 2021 a cura di Michele Boroni

Voto 7,5/10

La recensione

Questo è sicuramente il momento Bee Gees: a dicembre è uscito “How Can You Mend A Broken Heart” documentario HBO, diretto da Perry Marshall e disponibile sulle principali piattaforme, che racconta e celebra la strana storia dei Bee Gees con testimonianze di insospettabili fans, da Noel Gallagher a Eric Clapton.
“Greenfields – The Gibb Brothers Songbook (vol 1)” è invece una raccolta di raccolta reinterpretata di canzoni dei fratelli Gibb: dopo la morte dell'ultimo fratello è stato deciso di non utilizzare più il nome della band, quindi il tributo esce solo a nome di Barry Gibb, l'unico superstite nonché la principale voce solista del gruppo. 

Rispetto e valorizzazione

La carriera dei fratelli Gibb, iniziata quando erano molto piccoli  nei cinema di Manchester, e poi a Brisbane in Australia, è davvero piena di canzoni splendide dei generi più vari, dal rock al pop barocco anni 60, dal r&b alla disco, dove hanno trovato  consacrazione e ricchezza.
In tutta la carriera mancava forse un affondo profondo nella musica country, e questa raccolta colma tale lacuna.

“Greenfields” è stato registrato a Nashville con Dave Cobb, una sorta di Re Mida contemporaneo del country-pop che produce artisti come Jason Isbell, Brandi Carlile e i Rival Sons, vere stelle nel country da classifica, presenti nel disco. La costruzione perfetta intro-strofa-bridge-ritornello, il gusto per la melodia e anche, diciamolo, i testi banalotti, delle canzoni dei Bee Gees ben si sposano con la tradizione country, quindi la nuova veste calza a pennello. .
In “I've Gotta Get a Message to You” le voci di Gibb e di Keith Urban un po' si confondono, mentre il connubio con Alison Krauss (che ricordiamo già in duetto con Robert Plant) in “Too Much Heaven” è meraviglioso e dà nuova luce a una canzone già  bella in origine. “To love somebody” (1967) è tra le canzoni più interpretate di sempre (da Janis Joplin a Tom Jones, da Nina Simone a Joe Strummer) e la versione con Jay Buchanan si rivela all'altezza. Sheryl Crow e Dolly Parton fanno quello che sanno fare meglio con “How can you mend..” e “ Words”. Gli arrangiamenti del disco sono molto soffici ed eleganti, e forse una versione piu rozza e minimalista in alcuni casi avrebbe giovato alle canzoni. Le canzoni di “Saturday Night Fever” come “Jive Talkin” qui rallentata invece non girano come dovrebbero. 
Ma in generale il disco raggiunge pienamente il suo obiettivo, ovvero valorizzare quel meraviglioso canzoniere dei Bee Gees, anche senza quelle armonizzazioni che ne hanno fatto la fortuna. 

La canzone per la playlist

Difficile sceglierne una, però l'interpretazione di Brandi Carlile di “Run to me” dona alla canzone una drammaticità nel crescendo che la canzone di Barry e Robin Gibb del 1972 non aveva affatto. Da brividi. 

TRACKLIST

01. I’ve Gotta Get A Message To You (feat. Keith Urban) (03:14)
02. Words Of A Fool (feat. Jason Isbell) (03:47)
03. Run To Me (feat. Brandi Carlile) (03:22)
04. Too Much Heaven (feat. Alison Krauss) (03:39)
05. Lonely Days (feat. Little Big Town) (03:43)
06. Words (feat. Dolly Parton) (03:11)
07. Jive Talkin' (feat. Jay Buchanan & Miranda Lambert) (03:57)
08. How Deep Is Your Love (feat. Little Big Town & Tommy Emmanuel) (04:26)
09. How Can You Mend A Broken Heart (feat. Sheryl Crow) (03:26)
10. To Love Somebody (feat. Jay Buchanan) (03:35)
11. Rest Your Love On Me (feat. Olivia Newton-John) (04:01)
12. Butterfly (feat. David Rawlings & Gillian Welch) (03:43)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.