«UNTITLED (BLACK IS) - SAULT» la recensione di Rockol

“Untitled (Black is)”: il soul dei SAULT racconta Black Lives Matter

Il terzo disco, in due anni, della band fantasma inglese SAULT è un trionfo dI blackness e un atto d'accusa contro gli oppressori bianchi. Soul, afrobeat, funk e gospel mai così intensi. Ospite Michael Kiwanuka.

Recensione del 09 lug 2020 a cura di Michele Boroni

La recensione

Stai a vedere che il disco più significativo dell'intero movimento Black Lives Matter di questo rovente 2020 rischia di arrivare da un gruppo oscuro londinese di cui sappiamo poco o niente, con zero promozione e distribuito da un'etichetta indipendente londinese. 
I SAULT sono una formazione emersa dal niente lo scorso anno con due dischi sorprendenti di soul, afrobeat, funk e r&b intitolati “5” e “7”: canzoni appassionate, suoni essenziali e radicali, esecuzioni semplici e concrete. Poche sono le testate che se ne sono occupate, ma quelle poche ne sono rimaste infatuate: Guardian, radio KEXP, il dj Gilles Peterson e Bandcamp (che ha inserito i due album al secondo posto del listone dei 100 migliori dischi del 2019).  
Nel frattempo si vengono a scoprire le identità che stanno dietro questo collettivo, tra cui Dean Josiah Cover (aka Inflo) che compare come produttore delle più interessanti produzioni r&b degli ultimi anni come i Jungle, Little Simz e l'ultimo disco di Michael Kiwanuka, la cantante inglese Cleo Sol e da Chicago Kid Sister (Melisa Young), anche se forse c'è qualche altro elemento in più. Un paio di settimane fa esce a sorpresa questo disco “Untitled (Black is)” con in copertina un pugno nero su fondo nero e che raccoglie un'ora di musica (20 tracce) di altissimo livello qualitativo e con testi che sembrano scritti negli ultimi due mesi (basta scorrere solo i titoli delle canzoni - “Out of the Lies”, “Don't shoot guns down”, “Wildfires”, “Why we cry why we die”, “Black”). 
E' un disco intriso di blackness calato perfettamente nel contesto contemporaneo, un po' come fu Black Messiah di D'Angelo nel 2014. 
Dal punto di vista dei generi c'è tutto quello che ci si aspetta da un disco di nu soul ma che non ha la pretesa di essere per forza di cose innovativo (in questo assomiglia all'ultimo Kiwanuka, che peraltro compare qui sia come autore sia come interprete), ma gioca tutto sull'intensità e sull'immediatezza: c'è il groove solenne di “Why we cry why we die” e “Hard life”, l'afrobreat di “Bow” e “This generation”, le ripetizioni ipnotiche di “Black”, il gospel di “Pray up stay up”, i synth di “Eternal life”, il soul di “Sorry ain't enough” e il pop contemporaneo di “Wildfires”. Il tutto condito con testi spesso incendiari e apparentemente elementari. Nell'iniziale “Out the lies” si mettono subito le cose in chiaro “The revolution has come (out the lies!) / Still won’t put down the gun.”. Nella successiva “Stop dem” si racconta tutto il dolore che ha dovuto subire il popolo nero, mentre in “Hard life” la voce di Cleo Sol declama perentoria  “I ain’t gonna wait no more /  Gonna start a war / I ain’t gonna wait no more.”. Per poi raccontare con precisione in “This generation” le ragioni di questa inevitabile azione diretta “It’s time to wake up / We have walked the walk many years / Many times / We have walked in silence / We have expressed our voices / People have died / We have walked the walk / We have talked the talk / Nobody’s listening.
Un disco di lotta e protesta, ma anche di ottimismo, al ritmo di soul come questo non lo si ascoltava da tantissimo tempo, ed è ha davvero dell'incredibile il fatto che le principali testate musicali internazionali stiano ignorando un disco e un progetto musicale come questo. 

TRACKLIST

01. Out the Lies (02:01)
02. Stop Dem (03:38)
03. Hard Life (04:33)
04. Don't Shoot Guns Down (01:52)
05. Wildfires (03:26)
06. X (01:24)
07. Sorry Ain't Enough (04:59)
08. Black Is (01:52)
09. Bow (04:05)
10. This Generation (00:46)
11. Why We Cry Why We Die (02:44)
12. Black (03:53)
13. Us (01:05)
14. Eternal Life (03:59)
15. Only Synth in Church (00:56)
16. Monsters (03:27)
17. June Child (00:58)
18. Miracles (04:17)
19. Hold Me (02:45)
20. Pray up Stay Up (03:45)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.