«DNA - Ghali» la recensione di Rockol

Caduta e rinascita di Ghali, che in "DNA" mette in versi la sua crisi (stavolta senza Charlie Charles)

Tre anni dopo l'esordio con "Album", torna il rapper di origini tunisine, portavoce della generazione di artisti partiti dal basso e arrivati a cambiare - grazie allo streaming e al web più in generale - le regole della discografia italiana.

Recensione del 21 feb 2020 a cura di Mattia Marzi

La recensione

La finta caduta di Ghali dalle scale del palco dell'Ariston, trovata che ha fatto molto parlare della sua esibizione come ospite al Festival di Sanremo, è stata la metafora di una caduta reale, che però ha destato meno scalpore. Nei tre anni successivi all'uscita di "Album", il disco d'esordio del rapper di origini tunisine che nel 2017 spalancò le porte della scena (t)rap italiana a una nuova generazione di artisti partiti dal basso e intenzionati a cambiare - grazie allo streaming e al web più in generale - le regole della discografia italiana, Ghali non ha fatto altro che interrogarsi sul successo e sul suo futuro. Temendo di non avere altro da aggiungere a quanto già raccontato in "Ninna nanna" e nelle altre canzoni (dal non-rapporto con il padre - finito in prigione quando lui era solo un bambino - al fortissimo legame con la madre, passando per l'adolescenza tra le palazzine popolari della sua Baggio, il quartiere periferico di Milano in cui è cresciuto), il rapper si è rinchiuso in un lungo silenzio, precipitando in un vortice buio. È proprio mettendo in versi la crisi che stava vivendo che Ghali è riuscito ad uscirne fuori. Le canzoni di "DNA" sono nate così: il nuovo album è il racconto di quella silenziosa caduta e della rinascita artistica del rapper, che a distanza di tre anni dall'esordio torna per dimostrare di avere ancora qualcosa da dire.

Il successo che diventa una droga, l'ansia, le false amicizie, le parole di chi gli diceva "non farai mai nulla e resterai per sempre nel buio in un angolo" che rimbombando nella testa di Ghali in quel vortice buio fanno ancora più rumore, i party e i red carpet che prendono il posto dei cortili grigi delle palazzine di Baggio: "DNA" è il diario che il rapper ha scritto negli ultimi tre anni, cercando un equilibrio - psicologico prima di tutto - tra passato e presente. Ghali racconta le sue esperienze senza cadere nel patetico, con la stessa leggerezza e la stessa ironia che ai tempi di "Happy days" e "Cara Italia" - sono passati "solo" tre anni, ma dal 2017 ad oggi sono successe così tante cose che sembra essere passata un'era - lo aveva reso un'idolo dei giovanissimi, e che lo rende simpatico anche a chi non ama il genere (un'attitudine che ha spinto molti a descriverlo come uno dei potenziali eredi di Jovanotti).

Il sound è tutto nuovo: dopo il divorzio da Charlie Charles, che aveva dato alle tracce di "Album" un sapore molto riconoscibile, mischiando pop, electro house à la Stromae e atmosfere arabeggianti (una miscela che il producer milanese ha poi applicato anche a "Soldi" di Mahmood e a "Calipso", la hit estiva con lo stesso Mahmood, Sfera Ebbasta, Fabri Fibra e Dardust, facendola diventare di fatto una formula di successo), Ghali ha deciso di percorrere altre strade. Cosa sia successo tra i due lo lasciamo scoprire agli amanti dei gossip ("Per ora abbiamo preso strade diverse", si è limitato a dire il rapper sui social): qui ci limitiamo a registrare che nelle quindici tracce di "DNA" non c'è traccia di Charlie Charles. Ci sono invece rappresentanti della scena urban italiana come i Mamakass in "22:22", Zef in "Boogieman" (con Salmo), Merk & Kremont in "Good times" (è la terza canzone di Ghali ad essere stata scelta per uno spot, dopo "Cara Italia" e "Lascia stare"), Sick Luke in "Fast food" e "Scooby", Mace e Venerus (presenti in più di un pezzo), che orientano Ghali più verso sonorità da club che da grandi arene. Senza dimenticare il fenomeno ThaSupreme in "Marymango" e Michele Canova, già braccio destro di popstar come Tiziano Ferro, Marco Mengoni e lo stesso Jovanotti, che mette mano ai quattro pezzi più sfacciatamente pop - e meglio riusciti, per melodie, costruzione e sviluppi - del disco, dalla title track a "Fallito", passando per "Barcellona" (sarebbe da folli non sceglierla come singolo) e "Cuore a destra". Tanti mondi diversi che convivono in un unico disco, insomma, e che raccontano le tante sfaccettature di Ghali.

Non abbiamo la sfera di cristallo e non sappiamo cosa il futuro riserverà al rapper e alle sue canzoni. Se continueranno a piacere così tanto alle pubblicità, se diventeranno hit internazionali (lui punta a quella dimensione: lo testimoniano le recenti collaborazioni con Ed Sheeran e la star del rap britannico Stormzy e quella, contenuta nel nuovo album, con il nigeriano Mr Eazi su "Combo"), se saranno cantate dai palasport gremiti o dalle folle dei club. Ma siamo curiosi di scoprirlo. Lo eravamo ai tempi di "Album" e continuiamo ad esserlo anche dopo questo "DNA".

TRACKLIST

01. Giù x Terra (02:13)
02. Boogieman (feat. Salmo) (02:39)
03. DNA (03:20)
04. Good Times (02:43)
05. Jennifer (feat. Soolking) (02:41)
06. 22:22 (03:00)
07. Fast Food (02:39)
08. Marymango (feat. tha Supreme) (03:24)
09. Flashback (03:37)
10. Combo (feat. Mr Eazi) (02:56)
11. Extasy (02:41)
12. Barcellona (02:56)
13. Cuore a Destra (03:01)
14. Scooby (02:10)
15. Fallito (03:11)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.