«NO GEOGRAPHY - Chemical Brothers» la recensione di Rockol

Chemical Brothers: ritorno al futuro

Il duo britannico torna con “No Geography”, nono lavoro in studio della loro discografia

Recensione del 17 apr 2019 a cura di Daria Croce

La recensione

Probabilmente chi si aspettava un’altra “Setting Sun” o “Hey Boy Hey Girl” sarà rimasto deluso, ma “No Geography” non è affatto il disco più debole o meno memorabile dei Chemical Brothers.

A distanza di quattro anni da “Born in the Echoes”, Ed Simons e Tom Rowlands sono tornati con un album che viaggia esattamente come il carro armato della copertina: dritto per la sua strada, senza intralci, sotto un cielo terso contaminato solo da una manciata di nuvole che disegnano una faccia su quel turchese vivido (l’immagine è presa dal booklet di “Consequences”, album del 1977 dei Godley & Creme).

“No Geography” annulla i confini dello spazio e del tempo. L’attacco robotico di “Eve Of Destruction” - brano che ospita alla voce la rapper giapponese Nene e la norvegese Aurora (presente anche in altri pezzi del disco) - per un attimo ci porta all’ombra della piramide dei Daft Punk. E in ogni brano, a partire dalla title track, si respirano le origini dei Chemical, del big beat e del richiamo a Fatboy Slim; si sentono le influenze di Kraftwerk e New Order, si captano melodie che rimandano a Moby, ma il tutto accarezzato dalla brezza di sonorità fresche che arriva a soffiarti in faccia direttamente dal futuro.

È senza spazio e senza tempo, “No Geography”, ma il duo britannico tiene sempre ben saldo il timone. Non si deraglia mai verso territori sconosciuti e poco consoni; i Chemical esplorano, giocano con il nuovo e fanno un balzo in avanti, restando fedeli al loro stile originario.

L’album dalla metà in poi è un crescendo di energia, di build up e drop. Non a caso, i singoli di lancio si trovano proprio in questa parte del disco: dal primo uscito "Free Yourself" a "MAH" (acronimo di Mad As Hell), da "Got to Keep On" a "We've Got to Try". Quest’ultimo, inoltre, è diventato anche il remix più veloce del mondo: Simons e Rowlands hanno creato la colonna sonora (di tre secondi) per la stagione 2019 della Formula 1 accelerando il brano a 15.000 bpm, lo stesso numero di giri propulsore delle auto da corsa.

Carri armati e F1 potrebbero essere, in effetti, la giusta metafora di questo album: una combinazione di imponenza e velocità, la tradizione del big beat che va a braccetto con le sonorità più nuove. Un disco senza tempo, perfetto per il presente. Anche quello di domani.

TRACKLIST

01. Eve Of Destruction (04:40)
02. Bango (04:07)
03. No Geography (03:10)
04. Got To Keep On (05:16)
05. Gravity Drops (04:30)
06. The Universe Sent Me (06:03)
07. We've Got To Try (03:35)
08. Free Yourself (04:21)
09. MAH (05:36)
10. Catch Me I'm Falling (05:28)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.