LIBERTé (SANREMO EDITION)

Warner Bros./Warner Music Italy a Warner Music Gro (Digital Media)

Voto Rockol: 3.5 / 5

di Redazione

La verità è che Loredana Berté è ha vinto il Festival di Sanremo 2019. Gli spazi per fare polemiche sono altri: vedi le tante interviste dei rosiconi uscite in questi giorni, compresa quella della Berté che dice che contro di lei è stata commessa un'ingiustizia, che voleva vincere per riscattare sua sorella Mia Martini, che la giuria d'onore dovrebbe essere composta da gente che di musica ne capisce. Qui ci limiteremo a dire che, almeno a livello morale, la vincitrice è lei: sul palco dell'Ariston, nella settimana del Festival, ha dato il massimo. Ha lottato come una leonessa (la sera dei duetti non era previsto che cantasse perché stava poco bene: ma mezz'ora prima che arrivasse il suo turno ci ha ripensato, è uscita dall'albergo e si è fiondata all'Ariston), con rigore, professionalità e massima concentrazione.

"Cosa vuoi da me", la canzone che Loredana Berté ha presentato in gara al Festival, scritta da Gaetano Curreri, Gerardo Pulli e Piero Romitelli, viene ora inclusa nella riedizione del suo ultimo album di inediti, "LiBerté", uscito lo scorso settembre, che è forse uno dei lavori più belli e meglio riusciti dell'intera discografia della cantante (dietro "Traslocando" e "Jazz", con il tocco magico di Ivano Fossati, e "Un pettirosso da combattimento", ispirato dalla scomparsa della sorella, a cui fu interamente dedicato).

"Cosa vuoi da me" è una delle tracce bonus del repackaging, oltre ai due medley live registrati durante il tour dello scorso anno: nel primo, Loredana propone "Petala", "Esquinas" e "Jazz", nel secondo "Stare fuori", "Madre metropoli" e "Indocina". Canzoni poco conosciute del suo repertorio, ma che non valgono meno di una "Non sono una signora" o di una "Dedicato".

Voleva fare una bella esibizione, ha detto, chiudere il cerchio dopo quarant'anni di carriera, senza scandali e senza clamori, lei che con il Festival ha sempre avuto un rapporto particolare: come quella volta che si presentò sul palco con il pancione (era il 1986, l'anno di "Re") o quella in cui venne squalificata perché la sua canzone era un plagio ("Musica e parole", 2008). Alla fine, Loredana a Sanremo ha ottenuto più di quanto qualsiasi artista potrebbe chiedere: le tre standing ovation del pubblico (cosa mai successa a Sanremo, un vero record) sono state la certificazione del ritrovato affetto del pubblico, che per troppi anni l'aveva dimenticata.
La regina è tornata sul trono.

TRACKLIST

01. Intro - (00:16)
02. LiBerté - (03:11)
03. Cosa ti aspetti da me - (03:44)
04. Maledetto Luna-Park - (03:10)
05. Babilonia - (03:17)
06. Una donna come me - (03:52)
07. Messaggio dalla luna - (03:37)
08. Anima carbone - (03:33)
09. Tutti in paradiso - (03:12)
10. Davvero - (03:19)
11. Gira ancora - (03:01)
12. Non ti dico no - (03:09)
13. Outro - (00:52)
14. Petala / Esquinas / Jazz (Live) - (05:47)
15. Stare fuori / Madre metropoli / Indocina (Live) - (06:50)