MUSICA PER BAMBINI

Sony/ATV Music Publishing Italia (Digital Media)

Voto Rockol: 4.0 / 5
Segui i tag >

di Marco Jeannin

Ho deciso di essere sincero come un bambino ed ho usato la musica come psicoterapia e le rime come anti-depressivo. Il progetto ‘Musica per bambini’ è un semplice urlo. Solo questo è uscito da queste pagine. Un urlo fatto senza pretese come quando smetti di pensare che qualcuno può sentirti. Un urlo difficile da capire, come quello di un neonato dentro la culla.

E ancora…

Questo disco è un controsenso, un tocco di lucidità nella follia, un bambino che quando scopre il mondo reale vede qualcosa di incomprensibile. Per una volta posso dire di aver esagerato davvero.

Direi che Rancore, al secolo Tarek Iurcich (rapper romano classe 1989, padre croato, madre egiziana), se non nei contenuti almeno in termini di velocità e sostanza ha davvero messo il turbo. A sei anni di distanza da quello che fino ad oggi possiamo considerare il suo disco di maggior successo, “Silenzio”, Rancore torna con dieci pezzi al fulmicotone fondati su un rap ermetico come ormai da tradizione, teso, cupo incazzato come non mai. Unendo tecnica a stile, Rancore mette sul piatto un lavoro mai così granitico, un vero e proprio sfogo vecchia scuola in cui a farla da padrone sono necessariamente parole sparate talvolta a velocità incredibile, vedi “Beep Beep” il cui titolo è già abbastanza significativo, scelte e ponderate sempre con la massima cura anche quando c’è da lasciarsi andare e mandare tutti a quel paese, tipo “Depressissimo”, o perdersi nella metafora come in “Sangue di drago”, tre dei pezzi più significativi di un disco che però si merita l’ascolto integrale, possibilmente ininterrotto. E’ quindi facile passare da “Underman”, opening track e primo singolo, a “Questo pianeta”, chiusura circolare in cui Rancore gioca ironicamente con quello che gli riesce meglio fare: rappare in un modo che forse solo lui sa capire fino in fondo; come un alieno su un pianeta ospite.

Unendo l’inventiva ad una tecnica impeccabile, tra Caparezza (“Centro asociale”) ed Eminem, Rancore ha scelto (o comunque sentito il bisogno) di realizzare un disco estremamente personale, a tratti provocatorio, quasi rabbioso, curato personalmente da cima a fondo in termini di testi e musica ma collaborando in sede di produzione con alcuni nomi nuovi come Jano e Meiden e altri con cui Rancore ha collaborato in passato, nello specifico Dj Aladyn, Giancane e Fisa del Muro Del Canto, 3D e Skioffi e Marco Zangirolami. Un ottimo lavoro che conferma Rancore come una delle punte di diamante della scena rap di casa nostra. Senza proclami e senza tanto clamore (è musica che non vende,di certo non fa i milioni... musica che non parla di soldi e di medaglioni); ogni tanto bastano anche solo i contenuti per fare la differenza.

TRACKLIST

01. Underman - (03:33)
02. Giocattoli - (04:53)
03. Beep Beep - (03:32)
04. Depressissimo - (04:19)
05. Sangue di drago - (05:29)
06. Skatepark - (02:55)
07. Centro asociale - (03:37)
08. Arlecchino - (04:39)
09. Quando piove - (04:47)
10. Questo pianeta - (04:54)