«CHE COSA CI SIAMO FATTI - Briga» la recensione di Rockol

Briga - CHE COSA CI SIAMO FATTI - la recensione

Recensione del 12 giu 2018 a cura di Redazione

La recensione

A pensarci bene, Briga non è mai stato un rapper puro: fino ad oggi si è sempre tenuto in bilico tra cantautorato e rap, tenendo un piede di qua e uno di là. Non a caso, ai tempi di "Amici" veniva presentato a pubblico e giudici come "cantautore", non come rapper. Con questo disco, però, fa una scelta precisa: dice basta al rap per spostarsi con entrambi i piedi sul cantautorato.

Anticipato dall'omonimo singolo, l'album contiene undici canzoni (e una ghost track) malinconiche e al tempo stesso sfrontate con le quali il cantautore romano racconta la sua generazione, quella degli under 30: i testi parlano di incapacità a relazionarsi, di insicurezza, di solitudine digitale, della continua ricerca di punti di riferimento.
Il disco è stato in parte registrato in una villa in Val di Pesa, in Toscana, dove Briga si è rinchiuso per una settimana insieme ai suoi musicisti e a Boosta, il tastierista dei Subsonica, tra i suoi principali collaboratori per questo nuovo progetto insieme ai produttori Yoshimitsu e Manusso, al chitarrista Fabio Massimo Colasanti, al percussionista e direttore d'orchestra Enzo Campagnoli e al sassofonista Fabrizio Dottori.

Si va da una ballata come "Negli occhi tuoi" alla sintesi tra rap e pop di "Dopo di noi, nemmeno il cielo" (tra strofe ritmate e serrate e ritornelli cantati), passando per la psichedelia elettronica (dalle tinte rock) di "Overlay" ad un pezzo ipercinematografico come "Volevo essere per te" (con un'iconografia malinconica, quasi spettrale, rimarcata ancor di più dal suolo del Würlitzer).

"Cosa ci siamo fatti" segna un cambiamento nel percorso artistico di Briga, che prova a lasciarsi definitivamente alle spalle il passato e ad andare oltre gli esordi rap e il talent: la sfida, adesso, è andare avanti.

TRACKLIST

03. Ciao papà (03:27)
04. Negli occhi tuoi (04:30)
07. Overlay (03:00)
08. Stringiti a me (03:51)
09. Mi sento strano (03:46)
12. Armi di te (02:30)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.