«SOCIAL HABITS - Platonick Dive» la recensione di Rockol

Platonick Dive: leggi qui la recensione di "Social habits"

A tre anni di distanza da "Overflow", il trio toscano porta il post rock degli esordi ad un nuovo livello, spostandosi verso lidi elettronici.

Recensione del 29 mag 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

E rinnovamento sia. Non una vera rivoluzione, ma una piccola svolta nel mondo dei toscani Platonick Dive, al secolo Gabriele Centelli, Marco Figliè e Jonathan Nelli, c'è stata: dopo due dischi votati ad un post rock dalle venature elettroniche ma con le chitarre in primo piano, i ragazzi hanno deciso di portare avanti il discorso ribaltando il paradigma per dedicarsi ad un’elettronica di stampo post rock, in cui senza disdegnare spruzzate di ambient e shoegaze. Suonare al fianco (o in apertura, che dir si voglia) di gente come Jon Hopkins e Four Tet, tra i tanti che compaiono nella lista, deve aver significato qualcosa per una band che in ogni caso fin dai tempi di “Therapeutic portrait” non si è maio preclusa la frequentazione di territori esplicitamente sintetici (vedi “Soundproof cabinet”), chiamati a dilatare melodie che a conti fatti hanno sempre fatto e continuano a fare la differenza. Melodie che infatti troviamo intatte in questo nuovo “Social habits”, dieci pezzi solidi…

… dieci tracce, dieci racconti attuali di vite vissute, dieci frammenti in cui ci si può immedesimare e perdersi, ma anche trovare speranza e nuove energie…

… scritti, registrati e prodotti dai Platonick Dive stessi nello studio di proprietà, la Diver Room, il 360 Music Factory di Livorno e l’Adrenaline Recording Studio di Milano,  mixati da Daniele Nelli, Davide Bitozzi e e masterizzati da Tom Woodhead all’Hippocratic Studio di Leeds, UK.

Un disco all’apparenza molto semplice e diretto che sottende però un percorso di evoluzione importante, portato avanti con gusto e intelligenza; un lavoro di raffinazione che sta mutando la forma dei Platonick Dive senza snaturarne però la sostanza. E’ vero, qui i tessuti sonori sono molto più vaporosi del solito, meno aggressivi forse, anche perché chitarra e batteria non spingono come in passato, ma è il rapporto tra l’amalgama sonora nel suo complesso e la voce a dare quel qualcosa in più, a rendere “Social habits” il disco ad oggi forse più intimo della band. Nascono così pezzi come “Maple”, “Polaroids” e “Lago”, i cui ascolti sono sicuramente un buon consiglio.

TRACKLIST

01. Waxfall (03:53)
02. Habit (03:24)
03. Maple (03:08)
04. Less Is More (03:52)
05. Polaroids (04:08)
06. Doug Fir (03:06)
07. Flannel (04:14)
08. Private Room (03:12)
09. Cure (03:17)
10. Lago (03:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.