«FLEETWOOD MAC (DELUXE) - Fleetwood Mac» la recensione di Rockol

“Fleetwood Mac” il disco che ha plasmato l'AOR West Coast

E' uscita l'edizione deluxe di “Fleetwood Mac”, disco eponimo del 1975 della band inglese che da qui conosce il vero e proprio successo americano e mondiale. Contiene anche outtakes, inediti, demo version delle tracce del disco e una serie di pezzi live.

Recensione del 29 gen 2018 a cura di Michele Boroni

La recensione

Quando si parla di Fleetwood Mac si pensa subito a “Rumors” il loro best-seller del 1977, archetipo di un certo pop-rock americano ben scritto e ottimamente interpretato. 
In realtà il vero turning point della band avvenne due anni prima con il secondo disco eponimo (decimo della band) e che segnò l'inizio della loro fase californiana e l'abbandono del blues britannico che li aveva caratterizzati fino ad allora. “Fleetwood Mac” viene ora ripubblicato in vari formati tra cui, il più ricco, un'edizione super deluxe con tre CD, un DVD e un LP in vinile: i tre cd contengono il disco rimasterizzato, una raccolta di outtakes, inediti e prime versioni delle canzoni del disco, e il terzo un paio di concerti americani registrati nel 1975. 
Ma torniamo al disco e alla sua genesi. 
Il cambio di rotta dei Fleetwood Mac ha inizio con la sostituzione del chitarrista/cantante Bob Welch. I tre membri della band Mick Fleetwood, John McVie e Christine McVie (Peter Green, genio e sregolatezza, aveva già lasciato la band anni prima) scelsero Lindsey Buckingham, chitarrista west coast che con la sua precedente band aveva già calcato i palchi insieme a Jimi Hendrix e Janin Joplin, il quale chiese come condizione di accettare nella band anche la sua fidanzata Stevie Nicks. E furono proprio i nuovi arrivati a plasmare il suono della rinascita dei Fleetwood Mac.  
"Landslide" e "Rhiannon", presenti in questo disco, rimangono due delle canzoni più rappresentative non solo nella discografia dei Fleetwood Mac, ma di tutta la moderna pop music. La prima è stata una delle più coverizzate negli anni 90 (dagli Smashing Pumpkins alle Dixie Chicks), "Rhiannon" è invece una di quelle perfette pop song che potrebbe essere uscita ieri: la progressione degli accordi in minore, l'affascinante racconto della donna misteriosa, l'inconfondibile voce di Stevie Nicks, per non parlare delle armonie tripartite di Stevie, Christine e Lindsey nel coro, che sarebbero diventate un marchio di fabbrica del suono della band. Ma il disco contiene delle tracce che ancora oggi colpiscono per la loro freschezza, dal rock'n'roll di “Blue Letter” al pop sinistro di “Say you love me” fino all'allegra “Monday Morning”. 
Il secondo disco contenente le demo version delle tracce ci raccontano di una band dritta e sicura delle proprie decisioni e potenzialità, considerato che queste versioni suonano sorprendentemente simili alle versioni finali. Ma sono le registrazioni dal vivo che rendono questa riedizione meritevole dell'acquisto, anche per chi possiede già l'album: i Fleetwood Mac sono da sempre una gran live band ed è incredibile ascoltare versioni così ricche e affiatare di “Rhiannon” o come gli otto minuti di “World Turning” dopo nemmeno un anno dalla creazione della nuova band. Sempre nel terzo disco si possono ascoltare le ottime versioni cantate da Lindsey Buckingham dei classici acid blues di Peter Green  come "Oh well" o "The Green Manalishi. 
Un disco da scoprire o rivalutare, una buona alternativa al conosciutissimo e successivo “Rumors”.

 

TRACKLIST

#1

#2

#3
09. Oh Well - Live at Capitol Theatre, Passaic, NJ, 10/17/75 (02:59)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.