«TELL ME YOU LOVE ME - Demi Lovato» la recensione di Rockol

Demi Lovato - TELL ME YOU LOVE ME - la recensione

Recensione del 29 set 2017 a cura di Redazione

La recensione

Sembra ieri, eppure da "Camp Rock" sono passati quasi dieci anni. E nel corso di tutti questi anni Demi Lovato è riuscita pian piano a costruirsi una credibile carriera discografica, lasciandosi presto alle spalle l'etichetta di "ex stellina Disney": certo, "Don't forget" rimane il suo disco di maggiore successo, se non altro perché uscito nel 2008, quando il volto di Demi Lovato era ancora un volto "televisivo". L'album che ha segnato il punto di svolta della sua carriera, però, è stato "Demi", nel 2013: è lì che si è capito che Demi Lovato non era più "quella di 'Camp Rock'", ma una "vera", una popstar.

Il suo precedente album, "Confident", uscito nel 2015, aveva ottenuto risultati commerciali più moderati rispetto ai precedenti: anche i singoli estratti dal disco non erano andati benissimo, con la sola eccezione del lead-single "Cool for the summer". Archiviata la promozione di "Confident", Demi Lovato ha annunciato una pausa di riflessione: "I'm not meant for this business or the media", aveva scritto sui social, "Non sono tagliata per questo lavoro o per i media".

È ripartita da lì e si è circondata di una caterva di produttori (venti, tantissimi) per cercare di raccogliere una manciata di hit scalaclassifiche e per tornare ai grandi numeri di qualche anno fa. Tra i collaboratori ci sono Oak Felder (Alessia Cara, Miguel, Jessie J, Nicki Minaj), Stint (Zara Larsson, Carly Rae Jepsen, BANKS), Jonas Jeberg (Kylie Minogue) e Jax Jones (The Vamps, Tinie Tempah).

Il disco è un album di pop contemporaneo. Aspettatevi dunque un paio di ballate con tappeti elettronici ("Tell me you love me" e "Only forever"), qualche pezzo dal sapore più r&b ("You don't do it for me anymore" e "Ruin the friendship") e soprattutto party anthem (come il singolo "Sorry not sorry").

TRACKLIST

01. Sorry Not Sorry (03:23)
03. Sexy Dirty Love (03:33)
05. Daddy Issues (03:09)
07. Only Forever (03:17)
08. Lonely (04:41)
09. Cry Baby (03:42)
10. Games (03:08)
11. Concentrate (03:17)
12. Hitchhiker (03:43)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.