«WONDERFUL WONDERFUL - Killers» la recensione di Rockol

Anche i killer crescono...

Un album che mostra i Killers più vulnerabili e maturi, senza rinnegare o abbandonare la vecchia strada del mainstream rock

Recensione del 25 set 2017 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Questo quinto lavoro in studio della band di Las Vegas non è decisamente semplice, a ben vedere. Nonostante l’impronta rock e ariosa, dai testi e dalle musiche percolano rigagnoli di tormenti interiori, riflessioni a volte profonde, altre amare e lancinanti. E poi la sensazione palpabile di avere di fronte un uomo – Brandon Flowers – che si mette a nudo, a costo di gettarsi dietro le spalle alcuni degli aspetti più caratteristici e bulleschi della sua personalità.

Il risultato è una decina secca di brani in cui la band oscilla fra momenti di grande rock da arena (il riferimento più immediato sono gli U2 dell’era “Achtung Baby” probabilmente…) e quel tipico gusto un po’ kitsch, anche trash se vogliamo, che i Killers da sempre mettono sul tavolo, mescolandolo alle loro carte migliori. Insomma, è una specie di esercizio di equilibrio, in cui la band sperimenta, a tratti probabilmente si diverte anche, ma esorcizza diversi fantasmi. Del resto per Flowers gli ultimi anni sono stati decisamente duri: ha dovuto affrontare un durissimo blocco creativo (di cui parla nella soffusa “Have All The Songs Been Written?”, ballad semi-AOR che chiude l’album), ha visto due compagni di band (Mark Stoermer e Dave Keuning) decidere di abbandonare i tour e ha fatto i conti con le difficoltà e i problemi della moglie Tana Mundkowsky, che soffre di disturbo post-traumatico da stress per via di un’infanzia difficile (ed è il soggetto di alcuni brani di “Wonderful Wonderful”).

I Killers restano i Killers, sono solo più disposti a mostrare un lato fino a ora inedito… e lo fanno a modo loro, mescolando di tutto un po’, dal rock americano al post punk (poco), passando per suggestioni alla Daft Punk e pop rock mainstream, pop raffinato alla Phil Collins, sonorità anni Ottanta e pulsioni da ballad in puro stile arena rock, per una formula che continua ad avere il suo perché. Certo, forse in “Wonderful Wonderful” mancano i tipici “pezzoni”, quelli che divengono pietre miliari nel repertorio di un gruppo, ma tutte le composizioni si assestano su un buon livello… non ci sono brani da 10 e lode, per usare una metafora, ma l’insieme è compatto, solido e convincente.

TRACKLIST

01. Wonderful Wonderful (05:10)
02. The Man (04:10)
03. Rut (04:24)
04. Life To Come (04:31)
05. Run For Cover (03:42)
06. Tyson vs Douglas (04:33)
07. Some Kind Of Love (04:38)
08. Out Of My Mind (03:43)
09. The Calling (04:01)
10. Have All The Songs Been Written? (04:09)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.