«CALIFORNIA (DELUXE EDITION) - Blink-182» la recensione di Rockol

Blink-182 - CALIFORNIA (DELUXE EDITION) - la recensione

Recensione del 22 mag 2017 a cura di Davide Poliani

La recensione

Putroppo, la dizione "deluxe edition" indica in una buona quantità di casi una furba operazione commerciale dove si reimpacchetta un disco andato bene - o benino - e, sotto Natale, lo si rispedisce sugli scaffali dei negozi con due inediti, un remix e una manciata di canzoni registrate dal vivo (tra le quali, magari, una bella cover e l'immancabile versione acustica) per la gioia di chi nel fare i regali di impegno ce ne mette pochissimo.

Inserire "California (Deluxe Edition)" nel novero dei pacchi (natalizi) sarebbe ingeneroso, e non solo per ragioni di date: prendendo per buona la versione raccontata dal gruppo, a far raddoppiare nel giro di un anno la settima prova in studio dei Blink-182 è stato l'entusiasmo. E noi siamo portati a credergli, perché - come avevamo già detto a suo tempo - la rincorsa per superare un ostacolo (nello specifico, l'avvicendamento tra DeLonge e Skiba nella formazione) può benissimo imprimere uno slancio che resti vitale anche a missione compiuta: galvanizzati dai buoni riscontri di "California" e dalla nuova linfa portata nel gruppo dal frontman degli Alkaline Trio, è plausibilissimo che Hoppus e Barker abbiamo spinto per tornare un studio e riservare alle bozze delle outtakes lo stesso trattamento "definitivo" riservato ai brani finiti nella tracklist della versione originale.

Il materiale di scarto - è brutto chiamarlo così, ma tant'è - dice molto su come un disco è stato scritto e registrato, e osservare da dietro le quinte un cambiamento così importante nella carriera dei Blink resta comunque interessante, anche a prescindere dalla passione per la band di San Diego: Skiba, più o meno consapevolmente, ha saputo scardinare i processi ormai istituzionalizzati con DeLonge costringendo i compagni di band a un cambio di passo, soprattutto a livello tecnico. Ne hanno beneficiato scrittura e arrangiamenti, ma anche - molto banalmente - Barker, le cui ritmiche, ora, risultano più organiche a songwriting e strutture, impedendo - tanto per fare un esempio - di inchiodare "6/8" al mero esercizio di stile.

A voler avanzare riserve, si potrebbe dire che la deluxe edition di "California" patisca la ridondanza figlia dell'entusiasmo: la versione acustica del primo singolo "Bored to Death" è gradevole ma non imprescindibile, così come il divertissement post-liceale di "Can't Get You More Pregnant". Episodi come questi, forse, sarebbe stato meglio lasciarli da parte per "California - 40th anniversary deluxe edition", quando, oltre ai remix in 12.4, al live d'epoca nel riproduttore olografico e al codice di accesso alle memorie di Hoppus in sala prove, qualche chicca dagli archivi non avrebbe sfigurato. Così, invece, "California" è diventato nel giro di nemmeno un anno (quasi) un doppio album in corso d'opera, e i doppi album sono materia difficile anche per chi alle lunghe distanze è abituato...

TRACKLIST

#1
01. Cynical (01:55)
02. Bored To Death (03:55)
04. Los Angeles (03:03)
05. Sober (02:59)
06. Built This Pool (00:16)
07. No Future (03:45)
10. Teenage Satellites (03:11)
11. Left Alone (03:09)
12. Rabbit Hole (02:35)
13. San Diego (03:12)
15. California (03:10)
16. Brohemian Rhapsody (00:30)

#2
01. Parking Lot (02:46)
02. Misery (03:51)
03. Good Old Days (03:23)
05. Hey I'm Sorry (03:56)
06. Last Train Home (03:21)
07. Wildfire (03:02)
08. 6/8 (03:47)
09. Long Lost Feeling (03:04)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.