«BE MYSELF - Sheryl Crow» la recensione di Rockol

Sheryl Crow è tornata se stessa: la recensione di "Be myself"

Sheryl Crow torna al suono delle sue origini: ma quel pop-rock funziona ancora, nel 2017? La recensione

Recensione del 23 apr 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La carriera di Sheryl Crow, aveva preso una strana piega e ora si prova a recuperare la retta via. Gli ultimi tre dischi sono stati, nell'ordine: un album natalizio, un disco dedicato sound nero di Memphis, e uno dedicato al sound bianco di Nashville.
Ora torna a casa per la seconda volta, così il quart'ultimo disco "Detours" (2008) era prodotto da Bill Bottrell, questo "Be myself" vede in cabina di regia Jeff Trott e Tchad Blake. Insomma, dopo avere rispolverato il produttore del fortunato esordio "Tuesday night music club", ha rimesso in piedi il team del secondo e terzo disco, "Sheryl Crow" e "The globe sessions".

Se vi siete persi in queste traiettorie, non vi preoccupate: vi basti sapere che "Be myself" prova ad essere un disco "normale", non "di genere" come i precedenti. Sheryl Crow prova a fare la Sheryl Crow che ci ricordiamo, insomma, come si evince dal titolo: una collezione di canzoni rock molto melodiche e dritte, scritte bene e dal suono impeccabile: la chitarra di "Halfway there", la batteria e il groove di  "Long way back", di "Roller skate" di "Be myself" (la canzone) ricordano i suoi singoli più fortunati degli anni '90, per fare qualche esempio. "If I can't be someone else, I might as well be myself", canta.

Già, ma siamo nel 2017. Chi è oggi Sheryl Crow? certo non quella di 20 anni fa, e anche il mondo è cambiato. Ha sempre mirato a fare musica che fosse fuori dal tempo pur essendo contemporanea. Ma il risultato oggi suona un po' leggero. Queste canzoni non hanno la profondità di un Ryan Adams, e non hanno neanche più il tiro per diventare delle hit. 

Sono buone canzoni, questo sì. Produzione e scrittura e perfette, pure troppo. "Be yourself" nasce per reazione a dei dischi di genere, i precedenti, e finisce per diventare a sua volta il disco di un genere che oggi non c'è quasi più. Ciò che rimane è Sheryl Crow, però, non è poco: una brava cantante una brava autrice. Un disco piacevole, insomma, a cui non bisogna chiedere troppo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.