«SEMPER FEMINA - Laura Marling» la recensione di Rockol

Laura Marling, essere donna oggi: "Semper femina"

Una grande cantautrice, una delle migliori in circolazione, torna con un disco intenso e profondo.

Recensione del 10 mar 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

"Varium et mutabile semper femina", recita l'Eneide di Virgilio. Se vi spaventa un disco che ha un titolo in latino, che parte della cultura classica: fate un bel respiro, e passa tutto, appena partono le prime note di "Soothing". Laura Marling è probabilmente la miglior cantautrice in circolazione, e questo album ne è l'ennesima dimostrazione.

L'album, come spesso capita con lavori con radici così profonde, si può leggere su più livelli. Il primo è quello delle tematiche: la Marling ha dichiarato che l'album è stato inizialmente pensato come una riflessione sulla femminilità vista dal punto di vista maschile. Poi si è evoluto in una riflessione più personale ed empatica nei confronti delle altre donne e nei confronti di se stessa, senza avere bisogno di un punto di vista maschile per giustificare il tutto. Una logica prosecuzione del tema già affrontato in una serie di riflessioni via podcast sul sito Reversal of the muse, dedicato alla creatività femminile.
 E' soprattutto su questo tema che stanno insistendo le prime (entusiastiche) recensioni d'oltremanica e d'oltre oceano; ed è su questo punto di vista che molti paragonano (ancora) la Marling a Joni Mitchell, non solo per la vocalità, ma la capacità di scavarsi e scavare dentro attraverso le parole.

Il secondo punto di vista, banalmente, è quello musicale. E anche da questo punto di vista "Semper femina" è un gran disco. La Marling è inglese, ma il suo mondo sonoro è appunto quello del Laurel Canyon - e non bisogna dimenticare che ciò che la rende una delle migliori non è solo la sua scrittura, la sua vocalità ma anche il modo in cui suna la chitarra.
Tranne rari episodi come "Don't pass me by", questo disco riporta la Marling su atmosfere più acustiche rispetto al precedente ”Short movie”, senza eccedere nelle lunghe (e stupende) suite del capolavoro "Once I was an eagle". A dominare l'album sono brani più semplici, almeno in apparenza, come "Wild once" (costruito su un arpeggio, un basso e poco altro, eppure incolla l'ascoltatore), così come "Nouel".

Più che un disco retrò o contemporaneo, "Sempre femina" è semplicemente fuori dal tempo. Qualunque livello scegliate, Laura Marling riesce a rapire l'ascoltare senza mai scadere nella pesantezza di certo cantautorato di genere, ed evitando manierismi dei cantautori/cantautrici indie. Una cantautrice con una sua personalità forte, persino ingombrante, capace di regalare momenti di pura magia musicale.

TRACKLIST

01. Soothing (04:16)
02. The Valley (05:40)
03. Wild Fire (04:50)
04. Don’t Pass Me By (05:09)
05. Always This Way (04:33)
06. Wild Once (04:22)
07. Next Time (04:01)
08. Nouel (04:53)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.