«BIG DOMINO VORTEX - Human Colonies» la recensione di Rockol

Human Colonies: leggi qui la recensione di "Big domino vortex"

Un lavoro formalmente ancora legato allo shoegaze tanto caro alla band, ma dal sapore anni '90. Diretto e caratteristico, con suoni distorti e potenti.

Recensione del 09 mar 2017

La recensione

L’attacco di “Sirio” è inequivocabile: i My Bloody Valentine di “Isn’t anything” e gli Smashing Pumpkins di “Gish”. La fine degli Ottanta, i primi Novanta.

Per il loro secondo EP gli Human Colonies hanno fatto un viaggio indietro nel tempo di una ventina di anni, andando a ricreare un suono specifico fatto di distorsioni portate avanti a colpi di chitarra e basso, con la testa china a fissare i piedi. Fendenti ben precisi che la band nata tra Bologna e Firenze nel 2013 assesta con un’inaspettata maestria nei sei pezzi che compongono questo “Big domino vortex”, più che un EP direi quasi un mini album dove il mondo alternativo (la titletrack deve tanto ai Dinosaur Jr. e a Mascis in particolare) si fonde con una spiccata propensione melodica; qualità questa che non va mai sottovalutata e anzi, per come la vedo io riesce sempre a fare la differenza.

Differenza che per gli Human Colonies significa non suonare come una semplice band derivativa, una band che prova a fare shoegaze come quelli di una volta, ma come una band di oggi che propone il proprio shoegaze, figlio di tanti ascolti di quelli di una volta e di tanti che sono venuti dopo. “Vesuvius”, per dire, in questo senso è quasi post rock. Un ottimo lavoro, registrato, mixato e masterizzato da Filippo Strang presso VDSS Recording Studio di Morolo, FR. Pezzi consigliati: oltre alla opening track “Sirio” direi la doppietta finale, l’arcigna “Kleio” e la tirata strumentale quasi psichedelica, manco a dirlo è il pezzo più lungo del disco, “Psychowash”, chiusura che ci ricorda come tutto sia debitore di tutto. Come, ad esempio, i Novanta dei Settanta. E se la qualità è questa, va più che bene così. Bravi.

TRACKLIST

01. Sirio
02. Big domino vortex
03. Vesuvius
04. Mondrian
05. Kleio
06. Psychowash
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.