«LUNGOMARE PARANOIA - Mecna» la recensione di Rockol

Mecna - LUNGOMARE PARANOIA - la recensione

Recensione del 30 gen 2017 a cura di Fabrizio Zanoni

La recensione

Che Mecna sia un rapper diverso dalla massa di ragazzini che infesta la scena negli ultimi anni è chiaro già dalla copertina del suo disco, arrivato a sorpresa, arrivari senza annunci e promozione social prima dell'uscita. Una spiaggia deserta, un pattìno di salvataggio bagnanti e Mecna che in solitudine guarda un punto indefinito.

Diverso innanzitutto per anagrafe (Mecna spegne 30 candeline tra meno di due mesi), per scelte musicali (niente trap, niente featuring), metriche e tecnica (tutte le parole sono scandite, con tanti saluti agli extrabeat spesso incomprensibili) e un cantato che, in associazione alla base slow, in alcuni momenti mi ha ricordato i Casino Royal del glorioso periodo di "Sempre più vicino". 

Se non conoscete il rapper foggiano, potrei accostarlo a Ghemon e definirlo un cantautore rap. Il nuovo disco rifugge le solite tematiche trite del genere per concentrarsi su se stesso e a tratti anche sull'insofferenza verso una certa scena hip hop: "Sono un particolare nel quadro astratto di questo contesto, chi prima ce la fa poi tutti appresso. Schiacciati sotto strati di insicurezze e successo come cibi colorati in un sacchetto Tesco. Chissà di che parlate quando state assieme, chissà come sarebbe se poi mi succede. Scrivo per vedere cosa c'è, voi avete scritto tutto quanto sui disegni che vi escono dalle canottiere. Zero like zero share, zero supporto, nuove nike, nuovi break non vi sopporto"("Labirinto"). O, ancora: "Ora che fare la gavetta è fare In-Store nei centri, patetici. Gli ascoltatori ormai si aggrappano al primo disco che hai fatto, le tue prime sedici. Come se fosse l'oro che gli hai colato addosso senza sentire quanto odio ci metti nel prossimo" (Vieni Via)".

Tutto il disco mantiene un eccellente livello di scrittura e non ammazza lo spessore emotivo con ritornelli da airplay radiofonico. E' un disco sincero, semplicemente bello, vivamente consigliato come disintossicante da certa paccottiglia macina views youtuberiana.

TRACKLIST

01. Acque profonde (02:04)
02. Vieni via (03:41)
03. Infinito (04:30)
04. Malibu (03:16)
05. 71100 (03:52)
06. Soldi per me (03:50)
07. Labirinto (04:50)
08. Nonostante sia (04:25)
09. Superman (01:47)
10. Non serve (04:12)
12. Buon compleanno (03:14)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.