«SLEEP NO MORE - Jack Savoretti» la recensione di Rockol

Jack Savoretti, un concept album sull'amore consapevole

Dopo il successo di "Written in scars", ecco il nuovo album del cantautore italo-inglese. La nostra recensione.

Recensione del 03 nov 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

E' un disco d'altri tempi, "Sleep no more". Per diversi motivi: la copertina, con quella grafica vecchio stile, con la tracklist scritta sotto il nome dell'artista, come in certi album jazz, tipo quelli della Blue Note. E' stato presentato come un concept album, definizione che oggi è decisamente fuori moda, anzi, può spaventare in tempi di consumo della musica canzone per canzone e in playlist. E arriva a poco più di un anno da "Written in scars", uscito nel 2015.

Oggi la vita media di un album è almeno due anni, ma se andate a vedere cosa succedeva negli anni '60 o '70, andava così: gli artisti non si fermavano mai, incidevano anche due dischi all'anno. "Written in scars" ha segnato un punto di arrivo importante per Savoretti, emerso nel mainstream tanto nella natìa Inghilterra quanto da noi, dove ha passato buona parte dell'ultimo anno e mezzo. Il successo gli è servito da motivazione, e il risultato è questo album.

Il cantautore italo-inglese dice che è un concept (lo dice con timore, in realtà: leggete la nostra intervista), un racconto della ricerca di una terza via tra l'amore appassionato e l'amore adulto e responsabile. Un album dedicato alla moglie, che parte dal rimpianto della passione di "When we were lovers" e arriva alla consapevolezza di "Start living in the moment" e di "Lullaby loving". Lo si può leggere così, o semplicemente come una bella e varia collezione di canzoni.

Il pregio maggiore di "Sleep no more" (e di Savoretti in generale) è quello di trovare un ottimo e difficilissimo equilibrio fra piacevolezza e credibilità. Fa una musica accessibile, ma senza mai scadere nella melensaggine di certo cantautorato pop (alla James Blunt, per intenderci). E allo stesso tempo ha le caratteristiche anche per piacere agli appassionati del cantautorato rock più tradizionale: ha una voce graffiante, una bella scrittura, e arrangiamenti che vanno dal pop-rock vintage di "Any other way", ai suoni più moderni (quasi U2) di "Start living in the moment" ed "Helpless, all'uso degli archi in "Lullaby loving" e "I'm yours", una ballata che, in altri tempi appunto, sarebbe volata in testa alle classifiche. 

Insomma, un bel disco: nonostante le origini, suona più americano che inglese. E soprattutto suona bene.

TRACKLIST

02. Deep Waters (03:45)
03. I'm Yours (03:07)
04. Helpless (03:13)
05. We Are Bound (03:01)
06. Tight Rope (03:45)
07. Troubled Souls (03:30)
08. Only You (03:50)
09. Sleep No More (03:11)
10. Any Other Way (04:25)
12. Lullaby Loving (03:54)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.