«AWAY - Okkervil River» la recensione di Rockol

Okkervil River - AWAY - la recensione

Recensione del 16 set 2016 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

Tre anni dopo “The silver gymnasium” gli Okkervil River pubblicano un nuovo album, particolarmente ispirato, intitolato “Away”. La band è sempre più una emanazione del fondatore Will Sheff, poiché molti sono i membri che dal 1998 vi hanno militato e poi, per un motivo o per un altro, hanno lasciato il gruppo. L’album è stato prodotto dallo stesso Sheff e dietro il mixer a comandare le operazioni Jonathan Wilson. Tra quanti hanno collaborato alla buona riuscita del disco si segnalano la cantautrice Marissa Nadler e l’ex sodale di Sheff negli Okkervil River – ora frontman degli Shearwater – Jonathan Meiburg.

La storia del disco
Per “Away” Will Sheff ha composto una ventina di canzoni non avendo bene in mente quale sarebbe stata la loro destinazione finale. Quando è stato chiaro che avrebbero fatto parte di un nuovo capitolo della avventura discografica degli Okkervil River ha scelto le nove che a parer suo erano più funzionali alla chimica e alla uniformità dell’album.

Come suona e cosa c’è dentro
 “Away” è un album cantato quasi sottovoce, molto rilassato, dai toni soffusi. Le canzoni si prendono tutto il tempo di cui hanno bisogno, in questo luogo la fretta è bandita. Questa è la ragione per cui ogni brano ha una durata di non meno di cinque minuti.

Perché ascoltarlo (o perché girare alla larga)
Il migliore motivo per ascoltare “Away” è anche il più banale: è un ottimo album. Vi si trovano delicatezza, nostalgia, grazia, malinconia, riflessione, equilibrio, stile. I meno sensibili lo potrebbero definire - molto sbrigativamente – un disco noiosetto. Gli ingredienti dell’album indicati sopra diventano, per chi non ci si riconosce e privilegia un suono qualche tacca sopra nella scala del volume, dei buoni motivi per girare alla larga dall’ascolto.

La canzone fondamentale:  “Okkervil River R.I.P.”, è la prima, splendida traccia dell’album e introduce magnificamente alle atmosfere che saranno costante di tutto il disco. Inoltre ha un titolo che suscita più di una curiosità.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.