«GORE - Deftones» la recensione di Rockol

Deftones - GORE - la recensione

Recensione del 12 apr 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Che piaccia o no, i Deftones hanno carattere, personalità, talento e idee. I gusti non si discutono, ma la validità di un progetto musicale così organico e capace di evoluzioni tanto radicali è un valore assoluto. Con “Gore” la band di Chino Moreno – come del resto aveva promesso in sede di promozione (ma quante belle dichiarazioni si sentono prima dell’uscita dei dischi, solo per spingere le vendite?) – offre un lavoro differente, a modo suo spiazzante, ma anche radicalmente rock e gustosamente impregnato di chitarre urticanti (qualcosa che, in pieno 2016 e in ambito mainstream, non è facilissimo trovare).

Abbandonati da tempo i pruriti e le pulsioni nu-metal di grana più grossa, i Deftones sono stati in grado, con il loro ottavo album in studio, di tirare fuori dal cilindro il classico coniglio sorprendendo tutti. “Gore” è godibilissimo e al contempo personale, con quel mix di chitarrone stratificate e la voce di Chino Moreno, cantilenante, sofferta e da crooner, a volte in falsetto, a fare da contrappunto. Qui il selling point – o, se vogliamo utilizzare un termine meno crudo, la virtù – del disco è un approccio che libera il termine metal dall’obbligo morale di aggredire a testa bassa, menando mazzate e fendenti senza badare più di tanto alla precisione e al bersaglio; per approfondire, potremmo dire che i Deftones dimostrano di essere una delle poche metal band che, pur essendo annoverabili a pieno titolo nella categoria, non utilizzano solo il registro più limitato della violenza fine a se stessa, ma alternano la rabbia a momenti più quieti, soffusi, di natura post punk, ambient e new wave.
Il risultato è un disco che riprende, amalgama e sviluppa le atmosfere più scure di “Koi No Yokan” al piglio sperimentale di “Diamond Eyes” (2010), regalando un’esperienza di ascolto totalizzante, capace di stimolare più sensi e l’immaginazione, grazie a chiaroscuri e repentine oscillazioni di atmosfere.

Sarebbe forse azzardato o semplicistico affermare che “Gore” è – nell’anno 2016 – il miglior lavoro (e il più compiuto) mai sfornato da Chino Moreno e i suoi. Ma di sicuro si tratta del loro album più “avanti”, moderno e articolato, dotato di una qualità importante: la facoltà di incuriosire e affascinare.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.