«CHAOSMOSIS - Primal Scream» la recensione di Rockol

Primal Scream - CHAOSMOSIS - la recensione

Recensione del 24 mar 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Undicesimo album. Di acqua ne è passata sotto ai ponti da quello “Screamadelica” che 25 anni fa consacrò i Primal Scream di Bobby Gillespie al successo commerciale, con una miscela ammaliante di dance, rock, house, dub, neopsichedelia. In pratica una rivelazione per molti, alla ricerca di novità eccitanti. Ma oltre all’acqua sono passate anche parecchie incarnazioni sonore della band, che nel frattempo ha esplorato e allargato i propri orizzonti, cambiando direzione più volte – con risultati ora notevoli, ora meno incisivi.



Questo nuovo “Chaosmosis” rappresenta un altro tassello in questo percorso camaleontico di ricerca, configurandosi come un disco che per certi versi può richiamare l’attitudine di “Screamadelica” per la solarità, la leggerezza dell’approccio sonoro e la contemporaneità pop. Ma Gillespie & Company hanno cercato il più possibile di rifuggire la citazione del collaudato, assemblando – appunto – questo album con occhio attento a ciò che sta succedendo attorno a loro: e non a caso hanno chiamato alla loro corte, in veste di ospiti e collaboratrici, anche le Haim e Sky Ferreira – due realtà che, piacciano o meno, rappresentano uno spaccato di ciò che è il pop “new school” del secolo XXI.

“Chaosmosis” a un primo ascolto suona come un cocktail leggero, di quelli che si trangugiano con piacere per iniziare una serata destinata a crescere: melodie accattivanti, atmosfere mai opprimenti o ansiogene, tanto smalto e un mood patinatissimo, suggestioni rock/psichedeliche ridotte al minimo, quasi impalpabili. Il tutto, però, reso e plasmato con la tipica classe che Gillespie ha dimostrato di possedere come dono innato – e che gli permette di aggirarsi camaleonticamente nei più svariati mondi musicali (dal protopunk stoogesiano dei primordi, passando per il dance rock, la neopsichedelia, il pop, il rock sudista, il Madchester sound...). E i primi due terzi dell’album sono un ottimo manifesto che celebra questa speciale abilità, proponendo una versione mai banale, né plastificata/omogeneizzata a uso del mercato, di ciò che la definizione di pop può evocare nel 2016.

Il problema è che giunti alla fine della breve e tesa “When the blackout meets the fallout” qualcosa sembra incrinarsi. Uno scherzetto davvero troppo zuccheroso e facilone come “Carnival of fools” getta un’ombra su quanto di buono ascoltato fino a quel momento e precipita la band nel limbo dell’electropop da fast food, roba che i Primal Scream non potranno, né hanno mai voluto essere (ci auguriamo). “Golden rope” invece è un buon pezzo molto più rock, dal retrogusto stonesiano oppure alla “Give ut but don’t give up”, ma nell’economia del disco non ha particolarmente senso. Per non parlare della chiusura di “Autumn in paradise”, ruffiana, condiscendente e molto Nineties, forse anche potenzialmente un successo commerciale, ma poco aderente allo spirito del disco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.