«GUARDANDO IL CIELO - Arisa» la recensione di Rockol

Arisa - GUARDANDO IL CIELO - la recensione

Recensione del 18 feb 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Può scalare in TV il Monte Bianco, può postare selfie improbabili sui social network, tagliarsi i capelli a zero. Poi però Arisa canta, e con la sua voce le si perdona tutto. Perché di voci così in Italia non ce ne sono altre.


Che Arisa sia un personaggio lo sappiamo dagli esordi. E lo sa anche lei, che periodicamente torna a concentrarsi sulla musica, e lo fa a modo suo. Forse “Guardando il cielo” non ha avuto lo stesso effetto de “La notte” e di “Controvento" (rispettivamente seconda e prima a Sanremo) - anzi si è un po’ persa in questa edizione del Festival. Ma è una canzone precisa, pulita, perfetta - ci ha restituito il personaggio musicale al suo meglio, facendoci dimenticare quello non-musicale.
La notizia è che “Guardando il cielo”, l’album, è in realtà molto più vario e diverso. Non si appiattisce su un modello consolidato, per quanto perfetto, quello della ballata. Canzoni come la title-track e “Lascerò” rimangono le cose migliori dell’album, ma Arisa fa di più. In alcuni casi gioca con la voce ("Voce", appunto, con un'inizio che mi ricorda le sperimentazioni vocali dell'americano Fredo Viola). Oppure rivisita la canzone-canzone, come “L’amore della mia vita”: una ballata, sì, ma con una beat elettronico alla base che la rende più moderna. Una base che prende il sopravvento in "Come fosse ieri” e "Una notte ancora”, un 1-2 dai toni danzerecci e aggressivi (soprattutto nel testo esplicito della seconda). C’è spazio per il ritorno ad atmosfere retrò, come una “Donna come me” (quasi jazzata, non a caso messa subito dopo “Una notte ancora”) e “Per vivere ancora”, con una fisarmonica “alla francese”.
“Guardando il cielo” è un disco vario o un po’ schizofrenico: dipende da che punto di vista lo si prende. C’è che la voce di Arisa può cantare qualsiasi cosa - e quando ha delle belle canzoni (e capita, in questo disco) davvero non ha rivali.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.