«DELIRIUM - Ellie Goulding» la recensione di Rockol

Ellie Goulding - DELIRIUM - la recensione

Recensione del 19 nov 2015 a cura di Valeria Mazzucca

La recensione

Sperimentare per creare qualcosa di mainstream. Suona paradossale, ma non quando a volerci provare è Ellie Goulding, ovvero una che ci ha messo cinque anni per farsi notare, farsi apprezzare e alla fine farsi praticamente adorare nell'ingarbugliata selva della dance alternativa al femminile che negli ultimi anni, come una pianta rampicante, ha raggiunto e avvolto un territorio molto esteso.

La cantautrice, in tutto il suo splendore vocale e secondo molti anche estetico ha sfornato hit a raffica, portando l'elettronica anche alle orecchie più reazionarie. Fino ad oggi, con "Lights" prima e "Halcyon" dopo, è sempre scesa in campo giocando le carte migliori e scegliendo sapientemente i propri alleati: due nomi su tutti, Calvin Harris e Taylor Swift, artisti che smuovono interi paesi con un solo annuncio; lei ha deciso di tenerseli vicini e di entrare nelle loro grazie.
Anche realizzare un singolo per la colonna sonora di uno dei - piaccia o non piaccia - "film evento" dell'anno non è stata una mossa ingenua. Stiamo parlando di "Love me like you do" e di "Cinquanta sfumature di Grigio".
Ma quando si parla di arte e musica, la mera strategia non può bastare ed è qui che arriva il "fattore Ellie" ovvero quella la sua capacità di mettere d'accordo tutti, chi ha voglia di ballare, chi di sfogarsi e chi di sognare.

"Delirium" è il terzo disco della trentenne di Hereford che, per sua stessa ammissione, ha deciso di virare verso il pop. E l'impegno è decisamente encomiabile. Innanzi tutto, perché non è più così comune pubblicare un album di 22 tracce (o anche "solo" delle 16 della versione standard) e, soprattutto, quasi tutte valide e ben riuscite. Certo, è proprio in virtù della sua lunghezza che il lavoro risulta ricco e vario, ma sotto tutti i brani scorre un'unica falda idrica che rende la tracklist omogenea, altamente riconoscibile ma mai ristagnante.
La Goulding è riuscita a spalmare il suo stile su più di venti brani, ognuno dei quali ha il pregio e difetto di poter essere facilmente il seguito del precedente o l'intro del successivo. Anche per questo è difficile soffermarsi sull'analisi di un singolo pezzo.
Variazioni sul tema esplorate in sottofondo, ecco da cosa è composto "Delirium". Per inciso, il ritmo non cala mai ed Ellie riconferma che il suo timbro dolce e acuto può adattarsi perfettamente ad ogni stile.
Al motto di "ad ognuno il suo pezzo", chi scrive sceglie "Lost and found", "Devotion" e l'esotica "I do what I love". Ma davvero ce n'è per tutti i gusti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.