«RHYTHM AND STEALTH - Leftfield» la recensione di Rockol

Leftfield - RHYTHM AND STEALTH - la recensione

Recensione del 16 ott 1999

La recensione

Ci sono voluti ben cinque anni a Leftfield per arrivare a incidere questo loro secondo album. Cinque anni in cui si è passati, soprattutto nell’ambito della musica elettronica (dove si muovono Leftfield) attraverso infinite mutazioni. Drum’n’bass, big beat, speed garage sono solo alcune delle più “glam”. Ai Leftfield però tutti questi suoni “in divenire” non sembrano essere interessati più di tanto. Già, perché Neil Barnes e Paul Daley (in arte Leftfield), dalle lontane galassie del “sound per il leftfield”, ovvero per quella zona temporaneamente autonoma in cui non si pensa a ballare ma piuttosto si ascolta la musica presunta “da ballo”, non sembrano essere stati scalfiti da nulla in particolare che sia emerso in questi ultimi cinque anni. Impermeabili alle mutazioni dell’elettronica, hanno mantenuto immutato il loro amore per il dub (vettore sonoro principale attorno a cui si sviluppano molti brani di “Rhythm and stealth”), sviluppando, allo stesso tempo, un discorso musicale preciso che porta Leftfield verso una forma ipotetica di musica elettronica da “moderni primitivi”. Barnes e Daley infatti, nell’arco di molti dei 10 brani inclusi in “Rhythm and stealth” creano una fusione quasi sempre azzeccata tra suoni digitali, ad alto tasso di tecnologia e un flusso ritmico che fa pensare a un nuovo tribalismo, a una corteccia “primitivista” con cui affrontare il 2000. E’ un contrasto che troviamo sviscerato al meglio in “Phat planet” (il brano più riuscito dell’album), ma che percorre in lungo e in largo anche “Afrika shox” (un nuovo classico dell’electro hip hop, pensato, non a caso, in combutta con Afrika Bambaataa, e sviluppato seguendo questa estetica robotico-primitiva) e “Double flash” (techno tribale che rimanda a rave organizzati da modern primitives fatti d’ecstasy). Se a questo ci si aggiunge l’incedere ipnotico del dub di molti altri brani (su tutti quello di “Rino’s prayer, scritto con Raiss di Almamegretta), si capisce quanto Leftfield, lontano dal clamore dei big beats, ancora una volta abbiano dettato, nel “leftfield” la loro legge: una legge magicamente in bilico tra passato e presente, ideale colonna sonora per introdurci al futuro.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.