«FFS - FFS» la recensione di Rockol

FFS - FFS - la recensione

Recensione del 08 giu 2015 a cura di Franco Zanetti

La recensione

Prima di provare a riferirvi le mie impressioni al secondo ascolto completo di “FFS” sono andato a leggermi le recensioni di quelli bravi, di quelli che ne capiscono più di me di musica. Il Guardian, l’Independent, il Telegraph, NME, Classic Rock… L’ho fatto per provare a capire se la mia sensazione prima e dominante era condivisa da qualcuno. Ebbene, non lo è. Quindi ve la riferisco in tutta serenità, pur rendendomi conto che si tratta del parere di uno che gli Sparks li segue con immutata attenzione dal lontanissimo 1971, quando il gruppo californiano ancora si chiamava Halfnelson.
All’epoca, i fratelli Ron e Russell Mael – in sostanza il cervello della band – erano ancora membri, seppur fondatori, ispiratori principali e autori di tutti i brani, di un gruppo rock “normale”, si fa per dire. “Si fa per dire” perché gli Halfnelson pre-Sparks normali non erano, tanto è vero che si sono evoluti nella band più obliqua e zigzagante e che la storia del rock ricordi.
Ecco, la mia impressione è che con questa operazione congiunta Sparks – Franz Ferdinand (l’acronimo FFS può stare anche per “For fuck’s sake”, “per amor del cazzo”, ma l’esclamazione in inglese non è così didascalica) i fratelli Mael, i miei eroi, abbiano fatto un salto nel passato di 45 anni. E non so se sia un bene o un male, in generale. Per gli Sparks, ormai confinati, come dicevo, a un ruolo di “cult band”, l’operazione significa un rilancio di visibilità del tutto inatteso, e non c’è niente di cui vergognarsi; per i Franz Ferdinand è un altro passo nella direzione di quell’art-pop-rock del quale sono comunque già i più interessanti esponenti; non essendo un fan dei secondi, il mio è il parere del cantore della genialità sparksiana, che qui trovo, inevitabilmente, annacquata. In altre parole: la straordinaria originalità di “Lil’ Beethoven” (uscito nel 2002, qui la mia recensione dell’epoca), con le sue mini-operette rock, ben seguita dal successivo “Hello young lovers”, di quattro anni dopo, e spinta all’estremo con la pseudo-colonna sonora integrale, con ampi recitativi, di “The seduction of Ingmar Bergman”, 2009 – cito en passant il parzialmente deludente “Exotic creatures of the deep”, del 2008 – quella straordinaria originalità, dicevo, in “FFS” non c’è, né potrebbe esserci.

Perché, alla fine, “FFS” appunto non è un album degli Sparks. E’ l’album di un gruppo risultante da un incesto, dalla fusione innaturale di due outsiders perenni californiani attivi da 45 anni e di una giovane band di Glasgow che ha debuttato nel 2003. C’è da apprezzare lo sforzo con cui questo centauro cerca di apparire il frutto di un reciproco desiderio (stima, apprezzamento, ammirazione) e di un progetto senza precedenti; ci sono momenti in cui la voce baritonale di Alex Kapranos affianca il caratteristico falsetto di Russell Mael con disinvoltura e con buoni risultati; ci sono episodi riusciti come l’autoironica, ma in realtà sincerissima, “Collaborations don’t work” (quasi un’ammissione di colpa, no?), o come “Johnny delusional”, un bel pezzo e forse quello più simile agli Halfnelson, o come la malinconica “Save me from myself”, dove mi pare di sentire un’esplicita citazione di “Sunny afternoon” dei Kinks.

Ma “So desu ne” (in giapponese “Ah, capisco…”) fa pensare più ai Devo che agli Sparks, “Piss off” non è travolgente come sarebbe potuta essere, “Little boy from suburbs” è pregevole per l’atmosfera ma melodicamente irrisolta. I testi, ah, quelli sì sono interessantissimi, del tutto fuori schema rispetto al rock e al pop contemporaneo (cercate quello di “Police encounters” o quello di “The man without a tan”); ma non bastano – almeno a noi italiani, che le parole cantate in inglese non le capiamo - a farci capire l’originalità dei brani. E così “Call girl”, con il suo doppio senso annunciato già nel titolo, non riesce ad essere il singolone che potrebbe/vorrebbe essere – troppo lenta, quindi poco allegra, quindi poco entusiasmante.
Gli FFS saranno in tour in Italia quest’estate: andrò a sentirli dal vivo, o almeno spero di riuscirci, e magari riferirò del concerto annunciato a Rovereto per il 5 settembre, l’ultimo previsto (gli altri sono a Genova il 7 luglio, a Catania il 16 luglio, a Treviso il 3 settembre).
FFS Rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.