«CALIFORNIA NIGHTS - Best Coast» la recensione di Rockol

Best Coast - CALIFORNIA NIGHTS - la recensione

Recensione del 13 mag 2015 a cura di Gianni Sibilla

La recensione




Nei paesi anglosassoni li chiamano “one trick pony”: sono i caratteristi, quelli che sanno fare una sola cosa, quelli che hanno un tratto distintivo forte, come certi animali che rispondono ad un solo comando.
l Best Coast, in realtà, di tricks ne hanno ben due. Il primo è mettere la California, ovunque: nei titoli, nelle atmosfere, nelle copertine, nei riferimenti. Il secondo è fare un genere di canzone preciso, e solo quello, a ripetizione: chitarre e melodie solari.
Il terzo disco del duo di Los Angeles non fa eccezione: guardate la copertina, leggete il titolo, e sentite “Heaven sent”, il primo singolo: un power-pop perfetto, con una progressione che richiama alla memoria le Go-Go’s, le Bangles, il jingle-jangle, e tutto quel mondo di canzoni sepolte dalle chitarre tra anni ’80 (Jesus & Mary Chain) e anni ’90 (lo shoegaze).



Il terzo disco del duo è una summa di quanto fatto finora: i muri di chitarre del primo album, e la pulizia sonora di “The only place”. Si sono lasciate alle spalle l’atteggiamento un po’ low-fi degli inizi, e le atmosfere più rarefatte del secondo album, con un parziale ritorno già segnato dall'EP "Fade away".
Il risultato? Nei 43 minuti e rotti del disco, sembra spesso di sentire la stessa canzone, in loop. Ma, contrariamente a quanto uno potrebbe pensare, è una bella sensazione. Perché, da bravi “One trick pony”, quel giochino Bethany Cosentino e Bobb Bruno lo sanno fare alla perfezione.
Quando escono un po’ da questi tracciati, va anche meglio: “California nights” è più lenta e psichedelica, con i suoi 5 minuti e passa: è il momento migliore dell’album, assieme a “Heaven sent”. Ma è solo una deviazione momentanea, perché già dalla successiva si ritorna allo schema precedente. Solo la finale “Wasted time” è minimale ed evocativa.
“California nights” è un disco piacevole, come solo certo pop al femminile sa essere: un ascolto perfetto per l’arrivo del caldo, sognando la California anche se vi trovate a prendere il sole sulla nuova Darsena di Milano, o in qualsiasi altro posto d’Italia.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.