«TRANSGENDER DYSPHORIA BLUES - Against Me» la recensione di Rockol

Against Me - TRANSGENDER DYSPHORIA BLUES - la recensione

Recensione del 20 gen 2014 a cura di Andrea Valentini

La recensione

“Avere le palle” è un’espressione che – per quanto cafona, maschilista e fuori registro, date le vicende che hanno visto il leader del gruppo Tom Gabel fare coming out e dichiararsi transgender, cambiando nome in Laura Jane Grace – ben si addice agli Against Me! dell’anno Domini 2014. Il loro sesto album, infatti, è un concentrato di attitudine ed etica punk – attenzione, non stiamo parlando esclusivamente di sound e musica, ma piuttosto di modus operandi e valori. Esce per la loro etichetta indipendente personale, è stato prodotto e scritto interamente da Laura Jane Grace, parla di un argomento che per larghe fasce di benpensanti bigotti è tabù (e/o sconveniente) e, infine, è nato nonostante le difficoltà di rimpiazzare due su quattro dei componenti del gruppo, che hanno mollato all’improvviso. Eppure da tutto questo è scaturito un album solido, ficcante, abrasivo, brillante, punk rock - ma non stereotipato... insomma, se non è avere le palle questo, spiegatemi voi cosa lo è.
In meno di 30 minuti gli Against Me! snocciolano 10 brani che mescolano - su una base punk statunitense e gustosamente moderna - arena rock, folk, emo (occhio: niente a che vedere con le robe da adolescenti colorati degli anni Duemila, stiamo parlando del filone emo-core di scuola anni Ottanta/Novanta... levatevi immediatamente dalla testa l’immagine di gente tipo Tokyo Hotel). E come ciliegina sulla torta ci sono le liriche: a fare da sottotesto a un impianto drammaturgico stile concept album, che parla di una prostituta teenager, c’è la vicenda personale dolorosa, difficile e gloriosa di Tom Gable/Laura Jane Grace, del suo coming out come transgender dopo sei anni di matrimonio con una donna che ama ancora e una figlia. "They just see a faggot", canta nella title track: "vedono semplicemente un frocio". E in quelle parole, cantate su un riff magistrale, c'è tutta la rabbia e la storia di questa persona, della ricerca di un'identità. Che, poi, alla fine, è il tema di fondo del punk.



“Transgender dysphoria blues” è un disco punk contemporaneo e profondo, per quanto immediato e semplice. Non scade quasi mai nello stereotipo (anche se, ovviamente, non è possibile evitare tutte le trappole del genere... ma chi se ne frega!) e riesce a conciliare un songwriting diretto e accessibilissimo con un messaggio sfaccettato, provocatorio, intelligente. Tra riff esaltanti e tempi tirati al punto giusto, poi, non manca mai di lasciar fare capolino a una poetica stradaiola degna dei più grandi della letteratura a stelle e strisce, da Kerouac a Lou Reed, passando per Hunter S. Thompson, Salinger e – perché no – il Boss: il disco ricorda in diversi momenti la carica e l'ethos dei Gaslight Anthem, che di Springsteen sono i figliocci in salsa punk.
Per entrare al 100% nello spirito occorrono almeno un paio di ascolti, ma il risultato è assicurato: questo è un disco lucido e affilato, forse non per tutti i palati... ma sicuramente è roba che farà venire la pelle d’oca e i brividi a chi ha una certa età e ha seguito l’epopea della Lookout e della Dischord agli albori. Per tutti gli altri, più giovani, c’è semplicemente l’emozione di un disco innegabilmente bello.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.