Rockol - sezioni principali

Recensioni / 19 ago 1999

Jimi Hendrix - LIVE AT WOODSTOCK - la recensione

LIVE AT WOODSTOCK
Universal (CDx2)
Puntuale alla scadenza del trentennale, ecco una possibile e definitiva versione dello show di Jimi Hendrix a Woodstock. C'erano già alcuni precedenti (come “Woodstock”), ma per la prima volta l'esibizione è riportata praticamente per intero, in un doppio compact disc che ha lo scopo di risolvere una volta per tutte la questione. Se dal punto di vista strettamente musicale ci riesce, allineando in maniera splendida tutti i classici suonati da Jimi Hendrix e confezionandolo all'interno di un prodotto d'alta qualità, in un'ottica più strettamente storica lascia ancora ampi margini di riflessione. La performance di Jimi Hendrix a Woodstock, infatti, fu tutt'altro che trionfale, anche se le cronache hanno continuato, per anni, ad attribuirgli un'aura di leggenda. Nei racconti dei diretti interessati, Jimi Hendrix per primo, si evince che Woodstock fu tutt'altro che un'esperienza felice: l'organizzazione caotica, la pioggia, l'alternarsi dei gruppi sul palco non crearono le condizioni per lo svilupparsi completo dell'atmosfera e dei suoni di un suo concerto. Anche riascoltando “Live at Woodstock” diventa evidente che è solo l'energia, la furia, l'impatto sonoro che tengono in piedi tutto lo show. A tratti, nonostante tutte le rimasterizzazioni e la bontà delle registrazioni, sembra di sentire soltanto Jimi Hendrix e Mitch Mitchell, con buona pace di quell'embrione di Band Of Gypsies che si era portato dietro. Hendrix, beh, è grande comunque e la sua chitarra genera il suono per eccellenza del rock'n'roll, quella vibrazione elettrica, cruda, istintiva che già a Woodstock sublimava gli ideali di un'intera generazione. Trent'anni dopo, comunque, non sarà questo “Live at Woodstock” a fare la storia, ma il fantasma di Jimi Hendrix che evocato dai Red Hot Chili Peppers ha incendiato la copia ad uso commercio del festival più famoso del mondo. E, come hanno puntualmente raccontato le cronache, certo non in senso metaforico.