«DNA - Little Mix» la recensione di Rockol

Little Mix - DNA - la recensione

Recensione del 06 mag 2013 a cura di Pop Topoi

La recensione

Le Little Mix vengono dall'edizione britannica di X Factor. Vengono assemblate all'ultimo minuto, mettendo insieme quattro soliste che non avevano passato il turno (come del resto accadde con gli One Direction). Uno dei criteri usati da Kelly Rowland per formare la girlband è "l'altezza media". Eppure, puntata dopo puntata, le Little Mix iniziano a funzionare, a trovare stile e sintonia, e diventano il primo e unico gruppo ad aver vinto il talent nel Regno Unito. Il loro singolo di debutto è la classica ballata obbligatoria per sbancare sul mercato natalizio (una cover di "Cannonball" di Damien Rice). Nei mesi successivi, una delle quattro si fidanza con un membro degli One Direction (che sono anche un po' fatti suoi, ma capirete che la cosa ha un impatto mediatico non indifferente) e ad agosto 2012 pubblicano il primo inedito "Wings". Se il successo in patria era previsto, sorprende invece che, nel giorno dell'uscita, le Little Mix entrino in trending topic su Twitter in Italia. Traduzione: una band senza distribuzione fuori dal Regno Unito, senza mai essere apparsa in radio o in televisione in Italia, ha già l'attenzione del pubblico nel nostro paese. Marketing col pilota automatico. E questo interesse è vivo anche oggi, visto che il primo album delle Little Mix, pubblicato in Italia con quasi sei mesi di ritardo, è entrato alla 5° posizione della FIMI. Traduzione: i fan sono corsi nei negozi per acquistare qualcosa che è ampiamente disponibile in rete (gratis e non) da novembre dell'anno scorso. Non può essere solo l'effetto di un'ospitata a Quelli che o di un mini concerto promozionale a Milano (svoltosi lo scorso 20 aprile).

Il modello più evidente delle Little Mix sono, manco a dirlo, le Spice Girls, e il singolo "Wings" è la cosa più vicina a "Wannabe" prodotta da una girlband negli ultimi dieci anni – con la differenza che le nipoti hanno doti vocali nemmeno paragonabili a quelle delle loro zie. Il tema resta il girl power, come si confà a un gruppo che parla alle adolescenti, ma l'originalità va cercata più nei suoni che nei testi. Beat prepotenti, frammenti dubstep, battiti di mani, voci piene di sicurezza ma senza troppi virtuosismi fastidiosi: questo perfetto equilibrio tra vecchio e nuovo/R&B e pop, torna (anche se con meno efficacia) in tutte le tracce dell'album. "How ya doin'" usa un campionamento di Curiosity Killed The Cat e ospita Missy Elliott; "DNA" parte dalla dance anni '90 per arrivare, ancora una volta, a dubstep e suoni futuristici; "Change your life" è una ballata classica, ma resa più interessante da un parlato/rap nei versi e arpeggi accelerati.
Questi quattro singoli sono sufficienti per definirlo un lavoro riuscito, e anche se il resto del materiale non è sempre all'altezza, DNA vuole e sa divertire, sfruttando con abilità trent'anni di influenze pop e arrangiamenti vocali impeccabili. Non è esplosivo come l'esordio delle Spice Girls, non è stiloso come i primi album di All Saints e Sugababes, non passerà alla storia come CrazySexyCool delle TLC, ma è davvero il meglio che si possa chiedere a una girlband nel 2013.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.