«HOLY FIRE - Foals» la recensione di Rockol

Foals - HOLY FIRE - la recensione

Recensione del 22 feb 2013 a cura di Ercole Gentile

La recensione

Per iniziare a parlare del nuovo album dei Foals basta fare due nomi: Flood e Alan Moulder. Produttori di garanzia, di un sound tra rock, pop ed elettronica che, tra uno e l'altro, ha fatto la fortuna di band come Depeche Mode, U2, Smashing Pumpkins, Erasure e molti altri. La band inglese ha deciso di affidarsi alle loro esperte mani per il terzo capitolo discografico “Holy fire”, lavoro che giunge a tre anni di distanza dal buon “Total life forever”, che includeva uno dei brani migliori di quell'annata come “Spanish Sahara” (non a caso usato in moltissime serie tv). Yannis Philippakis e soci hanno cominciato a scrivere i pezzi in quel di Sydney (Australia), registrandoli e perfezionandoli in un secondo tempo ad Oxford prima ed a Londra poi con Flood e Moulder. E la mano dei due si sente immediatamente in “Inhaler”, un 'cazzuto' brano pop-rock da 'arena', un incontro tra U2, Killers e Jane's Addiction. E allora pensi che i Foals si sono lanciati su questa strada, ma è vero a metà.



Già “My number” ad esempio riprende le influenze math-funk degli esordi. Ed è più o meno in questi due filoni che si divide il disco, sempre gradevole, talvolta anche qualcosa in più: come l'emozionante “Late night”, la lenta “Stetson” o ancora l'elettrica, ritmica e violenta “Providence”. Altro punto a favore è inoltre la voce di Yannis, che matura passo dopo passo e si fa sempre più sicura e intrigante. La sufficienza è piena, ma non si va oltre purtroppo. “Holy fire” sfiora solamente la completa maturità, risulta ancora acerbo (anche se suona da paura. Ma con Flood e Moulder sarebbe strano il contrario). Come se i Foals avessero avuto paura di diventare i nuovi Killers, con tutti i pro e contro del caso. Le intenzioni erano chiare, ma lanciato il sasso, i Nostri hanno tirato indietro la mano.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.