«TWINS - Ty Segall» la recensione di Rockol

Ty Segall - TWINS - la recensione

Recensione del 10 dic 2012 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Chissà quale demone assiro-babilonese possiede l’anima di Ty Segall. O di quali oscure droghe sintetiche futuristiche fa uso. Perché la sua iperattività e prolificità sono decisamente faccende che non appartengono a questo mondo e spaventano, facendoci precipitare in un medioevo dell’anima in cui tutto è stregoneria e solo la rassicurante notizia dell’uscita dell’ennesimo live dei Motorhead, o della trentesima raccolta degli Stones, può dare un senso di normalità calda e avvolgente.
Però basta poco per trasformare il Medioevo in un party pazzoide, uno di quelli che hanno come unico scopo scovare e annientare i neuroni troppo reattivi e funzionanti. Basta, appunto, “Twins”.
Con il suo terzo album del 2012, il venticinquenne di San Francisco molla le briglie e lascia che la situazione si sviluppi da sé (una “situazione” che tra album solisti, con band, collaborazioni, singoli, live e split consta di più di 40 uscite – escluse le compilation – in meno di sette anni di attività); il risultato, almeno a un primo esame superficiale, è un generale rallentamento del passo, con un abbandono parziale della frenesia garage rock e psych di “Slaughterhouse”, per abbandonarsi anche a episodi più studiati, senza disdegnare l’occasionale ballatona (un po’ come accadeva negli album “Lemons” e “Melted”, rispettivamente del 2009 e 2010). L’apertura dell’album la dice lunga, con un pezzo di pop acido, grezzo e lo-fi, ma molto Beatlesiano in fondo: il mood è settato e sappiamo esattamente cosa aspettarci. Brani cangianti e imprevedibili, ma orecchiabilissimi, pur non perdendo totalmente di vista la vena ruvida – l’anima garage, insomma – di Segall, che resta se non altro aleggiante.



Certo, la sensazione finale è però di straniamento e ci si ritrova a pensare come mai Ty, che a modo suo è senza dubbio un genio, abbia voluto imbarcarsi in un’operazione così difficile, in cui manca, se vogliamo, un filo conduttore preciso. Perché questo è indubbiamente un disco di Segall e a dimostrarlo ci sono il suo inconfondibile sound di chitarra fuzz (responsabile dell’aleggiamento dell’anima garage di cui si diceva sopra) e la concisione deliziosa dei brani che non vanno mai sopra i due minuti o giù di lì… ma a parte questo, il menù è davvero caleidoscopico. Si va dal folk quasi acustico al garage punk canonico, dal bubblegum pop alla psichedelia intossicante, dallo zuccheroso ammazzadiabetici alla pseudo-jam tossica con tinte alla Jesus & Mary Chain, per arrivare al rave-up chitarristico in stile freakbeat.
Il pezzo più duro e violento, quello più tipicamente alla Segall se vogliamo, è il secondo del disco: “You’re the doctor”. Un punk/garage/pop tirato e tarantolato che ricorda tantissimo il miglior Jay Reatard; in effetti le similitudini tra i due musicisti non sono neppure così nascoste: certo, Reatard era forse più portato e dotato nella costruzione di pezzi potenzialmente pop, ma la sostanza è molto simile. La vera differenza è decisamente di carattere umano e personale: laddove Reatard era un vero personaggio tormentato e immerso nei casini fino al collo, Segall è un giovane che per sua fortuna ha avuto un’esistenza più rilassata e godibile. Da qui un sapore differente nelle rispettive canzoni; questione di retrogusto, ma lo si sente.
Insomma, “Twins” è indubbiamente un buon disco – eccellente se lo si contestualizza in un’annata che lo ha visto preceduto da ben due lavori sulla lunga distanza di Segall. Forse risulterà poco afferrabile per chi preferisce proposte più monolitiche ed omogenee, ma… la verità è che uno come Segall è meglio lasciarlo fare e lasciarlo libero di stupirci. Perché è in un momento di grazia e dobbiamo goderne.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.