«MASTER OF MY MAKE BELIEVE - Santigold» la recensione di Rockol

Santigold - MASTER OF MY MAKE BELIEVE - la recensione

Recensione del 02 mag 2012

La recensione

Capita alle volte di sentir parlare di cantanti che, dopo un debutto deludente, decidono di cambiare stile, genere o tratti somatici; di chi semplicemente opta per una carriera solista dopo una militanza più o meno prolungata in una band. Poi ci sono quelli che si stufano del loro nome e da un giorno con l'altro lo cambiano nel tentativo - chissà - di togliere un po' di polvere dal loro pacchetto promozionale. Il risultato però non cambia, la sostanza rimane la stessa e (se c'è) si sente e si vede. Nel caso di Santigold il discorso è un po' diverso, anche se di "secondo esordio" si tratta: la cantante americana infatti, fino a 3 anni fa conosciuta come Santogold, nel 2009 a causa di una disputa legale ha dovuto cambiare il suo nome in Santigold. Passate queste informazioni di servizio nel setaccio delle premesse, quello che rimane è Santi White, tornata alla carica con un secondo album, battezzato "Master of my make believe": un disco che, a detta dell'autrice stessa, parla della facoltà di ognuno di "crearsi la propria realtà".
Per Santigold l'amore per gli anni '80, per il pop, l'elettronica e la dub, ma anche per l'alternative rock e la new-wave non è solo una pulsione istintiva, ma la colonna portante di una struttura costruita sapientemente e con certosina attenzione. Le citazioni abbondano insomma e, se non si conoscesse l'artista (nota tra le altre cose per essere un'esperta produttrice discografica), suonerebbero come plagi belli e buoni. E per dimostrarcelo la cantante di Philadelphia ha deciso di aprire il disco con il duetto con Karen O., voce degli Yeah Yeah Yeahs. Con "Go!" la partenza è sprint e - volendo azzardare un confronto - potrebbe quasi fare invidia a tutti e 99 i palloncini rossi che 20 anni fa Nena faceva librare in cielo nel brano "99 Luftballons". C'è da precisare che "Master of my make believe" vanta la collaborazione di Nick Zinner (chitarrista degli Yeah Yeah Yeahs), nonché di Dave Sitek (Tv on the Radio)e Greg Kurstin. Uno staff del genere garantisce un certo grado di sicurezza, ma soprattutto di riconoscibilità. Per fare un esempio, passate subito alla traccia numero 7, "The riot's gone", pericolosamente simile alla splendida "Maps" (Yeah Yeah Yeahs, "Fever to tell", 2003), sia per la modulazione della voce sia per la pennata continua della chitarra in sottofondo. "Disperate youth", secondo brano del disco, nonostante sia stato pubblicato come primo singolo ufficiale, rimane nell'ombra, schiacciata dalle sonorità della prima e della terza traccia "God from the machine", un'azzeccata marcetta fusion, a tratti reggae a tratti punk. Con "Fame" il disco prende una piega diversa: d'ora in avanti ritmi marcatamente esotici e tribali si intrecceranno al massiccio uso di sintetizzatori. I palpiti di tamburi ancestrali scalpitano, talvolta nascosti dietro all' R&B di "Freak like me" (decisamente troppo somigliante a "Rich girl" di Gwen Stefani), al reggae di "Pirate in the water", al rap di "Look at these house"; in altri casi invece dirigono i giochi senza lesinare, come in "This isn't our parade" in cui accompagnano delicati e garbati la voce di Santigold, conferendo al brano una certa sacralità primitiva. E poi esplodono per il gran finale "Big mouth", una danza più che una canzone, un rito intorno al fuoco che sigilla l'intero disco.
In fin dei conti, "Master of my make believe" è un piccolo mondo a sé. Nel 2012, puntare su atmosfere esotiche significa correre il rischio di risultare un po' demodè, ma la "realtà personale" che con questo disco Santi White si è ritagliata senza troppi virtuosismi o pretese d'innovazione, conferma che lei sa bene quello che vuole e fa bene quello che sa. Infine, una piccola curiosità per dare un po' di pepe al tutto. Santigold ha realizzato "Master of my make believe" dopo aver superato un blocco dello scrittore che da tempo la attanagliava. L'artista ha ritrovato se stessa, e la sua creatività, applicandosi nella meditazione trascendentale dopo essersi affidata alle sapienti mani di Nancy Cooke De Herrera, la pubblicista che negli anni '60 mise in contatto i Beatles con Maharishi Mahesh Yogi. Sì, proprio lui…


(Valeria Mazzucca)

TRACKLIST

01. GO!
02. Disperate youth
04. Fame
11. Big mouth

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.