«CRAZY CLOWN TIME - David Lynch» la recensione di Rockol

David Lynch - CRAZY CLOWN TIME - la recensione

Recensione del 15 nov 2011

La recensione

Ma David Lynch…quel David Lynch ? Sì, proprio lui. Proprio il regista, proprio l’ex compagno di Isabella Rossellini. Proprio quello che con “Twin peaks” una ventina di anni fa rivoluzionò e riscrisse i codici dell’allora abbastanza circoscritto mondo delle serie televisive. E proprio in qualità di personaggio noto e famoso si merita queste due righe di recensione discografica. Non è la prima volta che accade e non sarà neppure l’ultima. Il personaggio è famoso e intrigante ai massimi, per dirla tutta. Personaggio la cui arte cinematografica aggrega e divide al medesimo tempo: o la si ama talmente a fondo da assumerla come stella polare senza se e senza ma oppure la si odia provandone fastidio fisico e psicologico ad ogni inquadratura non riuscendo a comprendere i proseliti dell’altra chiesa.
“Crazy clown time” è il primo album propriamente detto di David Lynch, ma per il genio multiforme di Missoula le sette note non sono una premiere assoluta, da sempre ci gioca e più di una volta, per non dire quasi sempre, ha espresso parere molto operativo negli accompagnamenti sonori delle sue opere cinematografiche che miscelano immagini e suoni in un corpus unico. Proprio partendo da queste opere si ha la chiave di lettura più immediata per descrivere le atmosfere che si respirano lungo i quattordici brani che compongono il disco. Dalle suggestioni dell’elettronica più visionaria, oscura ed ossessiva (“Good day today” “Noah’s ark”) al rock malato e desertico riverberato da echi waitsiani (“So glad” “I know” “Crazy clown time”), alle pennate chitarristiche che sposano la sua nasalissima voce in “Football game”, voce che altrimenti quasi sempre è modificata o filtrata da sintetizzatori e altre diavolerie (“She rise up” “Movin’ on” “These are my friends”) senza tralasciare un brano strumentale (“The night bell with lightning”) che non può mancare nel menu di chi è abituato a pensare per immagini, l’opera prima musicale di Lynch non sorprende chi già mastica il suo immaginario artistico.
Quattordici canzoni che potrebbero essere benissimo la soundtrack di uno qualsiasi dei suoi lungometraggi. E proprio come accade con questi, a volte l’eccessiva lunghezza e il sovrapporsi di sottointesi e sottotesti, di citazioni e di pennellate improvvise portano – in questo caso l’ascoltatore – a perdersi tra mille rivoli arrivando al momento in cui la musica si placa con il fiato corto. Se al cinema, del quale è maestro indiscusso, l’eccesso lo premia, in “Crazy clown time” (titolo molto lynchiano) sbilancia il tutto, spariglia l’equilibrio e non aiuta il risultato finale.


(Paolo Panzeri)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.