«DOSE - Latin Playboys» la recensione di Rockol

Latin Playboys - DOSE - la recensione

Recensione del 13 mag 1999

La recensione

All'inizio i Latin Playboys non erano altri che i due principali songwriter dei Los Lobos, David Hidalgo e Louie Pérez con il produttore Mitchell Froom (Del Fuegos, Richard Thompson, Suzanne Vega, Bonnie Raitt Ron Sexsmith e un'infinità d'altri) e il suo ingegnere del suono (nonché a sua volta produttore dei Soul Coughing), Tchad Blake a lavorare per creare le basi di “Kiko”. Un disco fondamentale nell'economia del rock'n'roll degli ultimi dieci anni per la varietà dei suoni (dalle orchestrazioni swing anni Quaranta alle canzoni al confine tra Messico e States), ma anche per la complessa gestazione: l'idea del primo album dei Latin Playboys nasceva proprio dalle session preparatorie a “Kiko”. Un sound minimalista, percussivo, informale, con chitarre lancinanti e vecchi organi a contendersi le melodie. Una ricerca soprattutto nei ritmi che deve aver coinvolto i partecipanti più di una semplice session: così il progetto Latin Playboys ha avuto un seguito ed è cresciuto nell'intervallo tra un disco e l'altro dei Los Lobos, come tutti le iniziative parallele alla band (dal disco solista di Cesar Rosas, “Soul disguise” al progetto Houndog). Volendo, il secondo capitolo dei Latin Playboys, “Dose”, è ancora più sperimentale: gli spazi strumentali si sono allargati, le sonorità si sono fatte ancora più aspre e rarefatte eppure le canzoni continuano ad emergere da un melting pot bollente di lingue (spagnolo e americano che si confondono), idee musicali (dalla colonna sonora al rock'n'roll), illustri partecipazioni (Jerry Marotta alla batteria, Wendy e Lisa alle voci, Tracy Bonham al violino) e rumorismi offerti da una strumentazione prossima al collasso. Piaceranno a Tom Waits (c'è più di un punto di contatto tra i Latin Playboys e “Bone machine”), agli sperimentatori, ai fans irriducibili dei Los Lobos e a chi cerca un sound grezzo, crudo e senza mezzi termini. In “Dose” c'è solo quello.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.