«CONCERTO A LONDRA - Finley Quaye» la recensione di Rockol

Finley Quaye - CONCERTO A LONDRA - la recensione

Recensione del 25 mar 1998

La recensione

Finley Quaye, Londra (Sheperds’ Bush Empire) 22 Marzo 1998

Schivo e timido, Finley Quaye raramente suscita l’interesse della stampa ma, ultimamente, i media di settore si sono spesso occupati di lui: prima grazie al recente conseguimento del premio come migliore artista maschile britannico dell’anno, poi per l’ammirevole iniziativa di suonare all’interno di un carcere di Glasgow (Quaye e` parte ghanese, parte scozzese) lo scorso 19 marzo - Finley ha definito il concerto come "il piu` significativo della sua carriera".

Le aspettative sono alle stelle ed i biglietti per tutte le sue date londinesi sono andati a ruba: così, davanti ad un tutto esaurito con un pubblico giovanissimo e quasi esclusivamente bianco (in netto contrasto con quanto si vedra` sul palco), nel bello, caldo ed accogliente Sheperds’ Bush Empire, Finley ha l’occasione per mettere in mostra la sua forte personalità artistica.

La sua musica è una miscela ben fermentata di radici reggae, acid rock e funk, come insegna l’album "Maverick a strike", finora suo unico disco; dal vivo Quaye si libera subito della timidezza che caratterizzava le sue prime apparizioni ‘live’ e, spavaldo, entra in scena per primo, avvicinandosi a salutare ed a raccogliere il lungo benvenuto entusiasta del pubblico delle prime file ancora prima che la prima nota venga emessa. Poi comincia la musica, senza compromessi: reggae, reggae e solo reggae. Sul palco adornato da vari lumicini che creano un sinistro, vago effetto ‘voodoo’, Finley fuma e parla poco. I primi venti minuti sono una lunga introduzione, durante i quali la sua band (otto elementi, di cui tre ai fiati) riempie lentamente di sonorita` afro/reggae/dub il teatro; il pubblico segue il costante crescendo con misto di pazienza ed entusiasmo e Quaye non concede la sua bella e originalissima voce al massimo della sua potenzialita` per tutta la prima mezz’ora.

Il teatro sembra essere avvolto dal pesante ed ipnotico liquido di un dub che ingloba tutto e trasforma i brani dell’album in un lento e corposo reggae tradizionale; perfino la splendida "Even after all" risulterà trasfigurata dall’interpretazione. Siamo nella parte più interessante dell’esibizione, che regala bei momenti di contaminazione ska, con i giri di basso che si fanno piu` funky, la chitarra che si aggiunge senza titubanza agli altri strumenti, i fiati che prendono il sopravvento - e tutto diventa piu` divertente. Il pubblico gradisce e si lascia andare: la splendida "Sunday shining" viene salutata da un’ovazione, e finalmente Quaye dà il meglio di sè, originando una jam esplosiva fra echi di Bob Marley e Happy Mondays. Semplicemente irresistibile!

Quando la band lascia il palco, dopo un paio di bis, e le luci dell’Empire si riaccendono (è trascorsa solo un’ora e venti minuti ed il grande singolo "Your love gets sweeter" manca all’appello...!) il pubblico è in visibilio.

Cio` che rimane al termine del concerto è un fluido e rilassato approccio alla musica, costruito intorno ad una voce sinuosa e morbida, inusuale e gradevole: forse Quaye non è un grande innovatore, ma dimostra un talento che promette benissimo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.