«BLOOD LIKE LEMONADE - Morcheeba» la recensione di Rockol

Morcheeba - BLOOD LIKE LEMONADE - la recensione

Recensione del 07 giu 2010

La recensione

Skye è tornata a casa, i Morcheeba sono di nuovo quelli di una volta (lo aveva anticipato la stessa cantante di East London in una recente intervista:“Come suona il nuovo album? Come un disco dei Morcheeba!”). Un bene o un male? Dai tempi di “Big calm”, l’album della consacrazione, sono passati dodici anni e il fatto che “Blood like lemonade”, esplicitamente concepito come suo “seguito naturale”, non suoni neppure datato la dice lunga sulla situazione di stallo in cui si è avvitata molta musica pop contemporanea. Dopo sette lunghi anni di separazione i fratelli Godfrey e la Edwards si sono incontrati per caso, hanno grattato via le vecchie ruggini e si sono rimessi alla prova. Banda larga, posta elettronica e GarageBand gli hanno consentito di lavorare a distanza, di rimbalzo tra Hollywood (dove Ross ha avviato una carriera parallela di compositore di colonne sonore) e la casa del Surrey in cui risiede Skye. Non si saranno guardati in faccia, durante le sedute di registrazione, ma questo non gli ha impedito di ritrovarsi a occhi chiusi. I corpulenti e occhialuti fratelloni che tanto avevano penato (senza riuscirci) per trovare una degna sostituta alla loro intrigante frontwoman, approfittano della sua presenza per tornare alle origini e al loro sound classico: downtempo e chill out, la versione pop, soft ed edulcorata del trip hop duro e intransigente di Portishead e Massive Attack. Idee chiare sin dall’inizio: niente rhythm & blues easy e scoppiettante alla “Rome wasn’t built in a day”, questa stavolta. Niente atmosfere sudamericane alla “Charango”, niente acid folk stile “The antidote” (criticato da tutti, ma in fondo non così male). I Morcheeba tornano ai loro ritmi naturali, al loro battito lento e profondo, a quella musica after party, rilassante e avvolta nei fumi di cannabis che nei tardi ’90 li aveva resi un gruppo tremendamente cool e alla moda. Rimane la loro croce e delizia, questo restar dantescamente sospesi tra commerciabilità da “Top of the pops” e proposta artistica raffinata (non a caso uno dei loro primi mentori fu David Byrne, che li volle accanto a sé per l’album “Feelings), tra ricerca sonora e vellutata tappezzeria musicale. Il nuovo album – ipnotico, morbido, fluttuante e languido come da manuale – non scioglie il nodo gordiano, però è un cocktail fresco e gradevole che si beve tutto d’un sorso. Spicca una sonorità acustica più marcata, nel primo singolo “Even though” (una “Space oddity” del Duemila, con un astronauta abbandonato nello spazio che guarda la nostra povera Terra da lontano) e nel nudo chitarra & voce di “I am the spring”, dove Skye (un timbro “capace di fondere il burro”, come ha annotato un recensore) ha modo di sfoggiare con discrezione tutte le sue suadenti qualità, lontana anni luce dai fastidiosi gorgheggi a gola spiegata di tante scolarette di X Factor e American Idol. I bordoni, il sitar e l’armonica dello strumentale “Mandala” aggiungono – senza alterare la ricetta – giusto un pizzico di spezie indiane, mentre le velleità “club” dei Morcheeba affiorano nella superflua “Cut to the bass”, un altro strumentale dove sono i beats e gli scratches di Paul Godfrey a dominare la scena. Più che le musiche, dosate con il consueto misuratissimo equilibrio, sorprendono i testi, che affrontano a viso aperto i momenti di crisi vissuti all’interno della band (“Easier said than done”) o aggiungono inattese sfumature noir e thrilling al solare, pigro e soffice “trip-pop” della casa. Ed ecco il vampiro di “Blood like lemonade”, l’amante che progetta un duplice omicidio (“Crimson”), il killer a sangue freddo nello specchio e il morto ammazzato in sala da pranzo di “Recipe for disaster”: ma è tutto sangue finto, ovvio, trucco di scena in sintonia con il mood cinematografico delle musiche. A fine corsa, con “Beat of the drum”, arrivano anche i Vichinghi, ed è probabilmente il momento migliore di questi 45 minuti di Morcheeba “classici”: un brano percussivo, marziale, psichedelico, con un bell’assolo di chitarra elettrica a sconfinare per una volta dalle precise geometrie disegnate dalla penna dei Godfrey Brothers. Perché “Blood like lemonade”, ancora una volta, è l’epitome dell’eleganza, della misura, del tutto sotto controllo. In retrospettiva lo si potrà magari leggere come un disco di transizione, utile e necessario a segnare il vecchio territorio, ma intanto l’interrogativo resta: i Morcheeba sono in grado di uscire dalla loro “zona di conforto”, di oltrepassare la linea tracciata tanti anni fa, di osare finalmente qualcosa di più?



(Alfredo Marziano)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.