«ONCE - MUSIC FROM THE MOTION PICTURE - Glen Hansard» la recensione di Rockol

Glen Hansard - ONCE - MUSIC FROM THE MOTION PICTURE - la recensione

Recensione del 25 feb 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Di Glen Hansard e dei Frames, nell'ultimo anno e mezzo, vi abbiamo parlato parecchio su Rockol. Ve ne parliamo ancora perché questo film di cui è protagonista sta diventando un piccolo grande caso in America. Scritto e diretto da John Carney (ex dei Frames, guarda caso), “Once” è la storia di un “busker” di Dublino che incontra un'immigrata dell'est. Entrambi sono appassionati di musica, e finiranno a farla insieme, intrecciando le loro storie sentimentali. “Once” è stato presentato al Sundance Festival all'inizio del 2007 e da allora sta conquistando pubblico e critica, poco per volta. Si è recentemente preso pure due nomination ai Grammy proprio per questa colonna sonora, e questa notte ha pure ha pure vinto l'Oscar per la miglior canzone originale, "Falling Slowly".
Le canzoni contenute nel film sono più o meno le stesse del disco “The swell season” (vedi recensioni), prova solista di Hansard insieme a Marketa Irglova (che è la protagonista femminile del film), e infatti il duo sta girando in tour sotto questo pseudonimo.
Il disco e il film non hanno ancora una data di uscita italiana, ma non dubitiamo che l'avranno presto. Trovate facilmente materiale su di loro in rete (Il film è già stato pubblicato su DVD in Inghilterra) e ne vale la pena. Se avete già “The swell season”, non c'è gran motivo di prendere questa colonna sonora, perché le differenze sono minime, appunto: un paio di canzoni in più. Per gli altri, vale la pena recuperarsi o l'uno o l'altro disco: troverete un cantautorato minimale ed epico, stile Damien Rice per intenderci (anche se Hansard è in pista da molto più tempo del conterraneo, di cui è stato per certi versi un mentore).
Il film in sé è carino: molto semplice, pure troppo con il suo stile “indipendente” e con i suoi mezzi tecnici ridotti: ma mette in scena piacevolmente la nascita di alcune canzoni e la nascita di un bel rapporto tra due persone. Niente effetti speciali, insomma: forse è proprio la semplicità la chiave di un successo “di culto”, di cui si parlerà anche da noi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.