«OKONOKOS - My Morning Jacket» la recensione di Rockol

My Morning Jacket - OKONOKOS - la recensione

Recensione del 08 nov 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Segno dei tempi: se volete questo disco dovete cercarlo in rete, nei negozi virtuali come iTunes. E' un disco live, ma non è un “bootleg ufficiale” alla maniera di quelli dei Pearl Jam. E' un disco "regolare", uscito in America in formato “fisico”.
Una volta, le case discografiche potevano decidere che un disco non aveva mercato da noi, e semplicemente non lo stampavano. Chi lo voleva, lo andava a cercare d'importazione, spesso pagandolo degli spropositi (e sentendosi magari anche un po' gratificato per la “caccia al tesoro”). Oggi invece, semplicemente, lo si rende disponibile in forma digitale, senza stamparlo e abbattendo così i “costi vivi”.
“Okonokos” rischia di essere uno dei dischi del 2006. Chi ha visto i My Morning Jacket aprire per i Pearl Jam nella recente tournée italiana non può non essere stato colpito da questa band, che mischia rock e le jam strumentali, senza rischiare di essere pallosi come molte “jam band”. Ora questo disco riproduce la magia del concerto. Certo: è molto lungo (21 canzoni) ma visto che si può acquistare pezzo a pezzo iniziate da queste: “Wordless chorus”, “It beats 4 u”, “Gideon ”, “One big holiday” (le prime 4) e “Off the record”. Vorrete subito il resto.
Solo un'altra band americana è in grado di creare lunghe strutture musicali elettriche che prendono l'ascoltatore, lo avvolgono e lo ipnotizzano in questo modo: i Wilco. Come la band di Jeff Tweedy, i My Morning Jacket uniscono un impianto tradizionale (a tratti, soprattutto nella voce, ricordano la Band, di cui hanno da poco inciso “It makes no difference”) con una vocazione più sperimentale. Ma sono meno “roots” e decisamente più rock, anche con qualche deviazione nel reggae come appunto “Off the record”, e con qualche puntata nella psichedelia.
Ma non spaventatevi, e andatevi ad ascoltarvi “One big holiday”, con quell'arpeggio di chitarra che si apre in un rock davvero trascinante. Un piccolo grande capolavoro, per la forza della canzone e della performance live, come tutto questo album.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.