«L'ALLIEVA - Mina» la recensione di Rockol

Mina - L'ALLIEVA - la recensione

Recensione del 06 dic 2005 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Tutto trasuda rispetto, in questo nuovo disco di Mina. Il titolo, certo: “L’allieva”; il delicato gioco che incornicia il titolo in una grafica da vecchi quaderni di scuola e la foto d’epoca di una giovane Mina davanti alla lavagna. Ma soprattutto il fatto che il Maestro non è mai citato direttamente nel disco, se non in un posticcio adesivo applicato dalla casa discografica sul cellophan “Mina canta le più belle canzoni di Frank Sinatra”. Il che, a ben vedere, non è neanche corretto: Mina ha deciso di rendere omaggio ad un lato ben definito di The Voice, quello notturno e introspettivo; quello delle ballad, per intenderci (tralasciando invece quello più gioioso e swing).
La musica, soprattutto, trasuda rispetto: arrangiamenti jazz e minimali, registrati live (come dimostra la traccia video aggiuntiva: Mina che canta “Blue moon” in studio, rilassata eppure potentissima, mentre i suoi musicisti suonano come se fossero in un jazz club). Talmente minimale che Mina ha scelto un disco di riferimento, della produzione di Sinatra, forse il più bello del più bel periodo, quello Capitol: “Only the lonely”, "il" disco delle ballad di Sinatra, dal cui repertorio Mina canta quattro canzoni; ma dall’idea di quel lavoro ha levato quasi interamente gli arrangiamenti orchestrali (che furono curati dal grande Nelson Riddle), concentrandosi su piano, tastiere, contrabbasso e chitarra.
Si tradisce il proprio maestro se si rimane per sempre allievi, diceva un filosofo. E Mina, che per quanto giochi qua a sminuirsi una sua personalità ce l’ha eccome, tradisce elegantemente Sinatra (del quale, raccontano le note del disco, stava per diventare davvero la pupilla, prima di scappare inorridita dallo show-biz americano).
Il problema di questo disco, se ce n’è uno, non è l’interpretazione “tradita”, anzi. E’ semmai che la voce di Mina è limitata dal pregio maggiore (uno dei maggiori) della voce di Sinatra: la dizione. Perfetta, cristallina quella di The Voice. Ogni tanto imperfetta quella di Mina, che non è mai stata completamente a proprio agio con l’inglese. Il punto è che Sinatra, per quella dizione, risultava credibile anche quando cantava storie di cuori infranti (e lui era notoriamente uno che li spezzava malamente, più che subire). Mentre Mina gioca, si diverte (come nella bellissima “One for my baby”), ma non dà segno di vivere fino in fondo le storie che canta.
Insomma: “L’allieva” è un bellissimo disco, perfetto per questo periodo autunnale/invernale, con canzoni calde, arrangiate splendidamente: a voi il gusto di scoprirle. Non è diretto solo ai fan di Mina, e probabilmente neanche agli estimatori di Sinatra (che potrebbero obbiettare come ha fatto il sottoscritto). Forse, da un’accoppiata così ci si poteva aspettare un colpo di genio in più o, all’opposto, un’attenzione filologica ancora più dettagliata. Ma questi sono dettagli, per l’appunto, che non intaccano il valore de “L’allieva”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.