«IN FONDO AL BLU - Giulio Casale» la recensione di Rockol

Giulio Casale - IN FONDO AL BLU - la recensione

Recensione del 12 giu 2005 a cura di Giulio Nannini

La recensione

Il reading “Sullo Zero” aveva espresso con chiarezza l’urgenza creativa di Casale come solista: non più rocker ma cantautore. E “In fondo al blu” sorprende piacevolmente con un songwriting più maturo, consapevole e di spessore, una vena che probabilmente stava stretta all’artista trevisano nella dimensione della band. Ne è uscito fuori un lavoro ambizioso nelle tematiche, che esprime lo stato di malessere intellettuale e spirituale di questi tempi. L’approccio alterna invettive e ironia, e la realtà è descritta come sommersa da finzioni, condizionamenti e disagi esistenziali.
“In fondo al blu” è un album dalla produzione curata e raffinata, attenta ai dettagli, in cui si prediligono atmosfere semiacustiche e arrangiamenti in cui convivono archi e campionamenti. Un percorso impegnato e impegnativo che è la naturale prosecuzione della partecipazione l’estate scorsa alla prima edizione del Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber di Viareggio. E non a caso l’album sarà accompagnato dal tour teatrale “Illusi d’esistenza” (con la regia di Roberto Citran, a cui nell’album sono affidati i commenti parlati della gaberiana “Sbarre sui denti”), che riproporrà proprio la formula del teatro-canzone, ossia alternanza di monologhi e brani musicali. Ma il Signor G non è l’unico punto di riferimento: Casale si appropria e fa sua anche la lezione di Fabrizio De André, Luigi Tenco, Ivano Fossati, Leonard Cohen, assieme alla desolazione di Nick Drake che affiora di tanto in tanto. Il nuovo corso cantautorale è annunciato dalle dolenti armonie di “Marina Elisa”, dedicata alla madre scomparsa recentemente, ma anche dall’onestà intellettuale proclamata in “So che non so”, cui fa da contraltare il sarcasmo di “Parassita intellettuale” (con la partecipazione dei Grey, giovane band prodotta da Casale; in altri brani intervengono anche Abe Salvadori e Nicola Ghedin degli Estra).
I momenti migliori sono la bossanova del singolo “L’uomo col futuro di dietro”, l’incedere subacqueo della title-track, la negazione di una quotidianità virtuale e surrogata di “Vivacchio”, le trame sinfoniche di “Dovrei” e “Cara giovane vergine che mi parli di suicidio” (titolo alla Wertmuller), ispirata alla letteratura di Pavese, la colonizzazione americana di “All I want to be” (in cui vengono tirati in ballo Virginia Woolf e Tom Waits) e la ghost-track “Il caso di uno vicino a se stesso”, in cui Casale torna rocker.
Un album corposo e denso, che apre nuovi percorsi compositivi al Casale solista. Oppure si potrebbe pensarlo come un approccio col quale rilanciare la vena creativa degli Estra.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.