«SILENT ALARM - Bloc Party» la recensione di Rockol

Bloc Party - SILENT ALARM - la recensione

Recensione del 24 apr 2005 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La globalizzazione è anche questo: che ti capita un disco per le mani, lo ascolti, e non capisci da dove arriva. Una volta era facile: gli inglesi suonavano da inglesi, gli americani da americani. Le eccezioni erano, per l’appunto, eccezioni.
Oggi capita che prendi in mano il disco dei Killers e ti sembrano inglesi (sono di Las Vegas). O questo disco dei Bloc Party e, come gli Interpol, sembrano usciti dalla New York fine anni ’70- primi anni ’80. Solo che gli Interpol sono di New York, anche se gli anni sono quelli attuali. I Bloc Party, invece sono londinesi.
Devo dire che, quando mi è capitato in mano per la prima volta, questo disco non mi è sembrato granché: era lo scorso dicembre, e i Bloc Party aprivano le date degli Interpol (compresa quella infausta di Milano, fatta in una discoteca stracolma e invivibile). Mi sembrava troppo forte il paragone con la band newyorchese – con cui condividono le fonti: il post – punk americano, più un tocco di new wave inglese, tipo Joy Division.
Complice il chiacchericcio mediatico che si è sviluppato sulla band da allora – ora sono considerati il gruppo rock di moda del momento – e complice il consiglio di un amico di cui mi fido (ehi, anche chi recensisce i dischi si fida del passaparola), l’ho ripreso in mano. E bisogna dire che il chiacchericcio e il passaparola mi sembrano giustificati: “Silent alarm” è un bel disco di rock, sulla scia di quelli che vanno di moda. Interpol, per l’appunto, Franz Ferdinand, Killers. Rock irregolare, ma melodico; chitarristico ma non rumoroso. Meno caciaroni dei Killers e meno artefatti degli Interpol, i Bloc Party sono una buona sintesi del “movimento” (ammesso che ce ne sia uno), ed è forse per questo che funzionano. Brani come “She’s hearing voices” o “The pioneersi” uniscono un gran tiro con soluzioni strumentali e strutturali non banali ad un buon senso della melodia.
Ancora una volta, quindi: un disco forse non sconvolgente, certamente non la band destinata a cambiare la sorte del rock ‘n’ roll; ma comunque un buon lavoro, che rielabora in maniera abbastanza originale un suono come quello della new wave, rendendolo attuale. Poi, se sarà vera gloria, sarà il tempo a dirlo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.