«BLANKET - Urban Species» la recensione di Rockol

Urban Species - BLANKET - la recensione

Recensione del 24 ott 1998

La recensione

A volte quello che piace perché nasce per istinto e urgenza comunicativa, smette di piacere quando diventa ‘maniera’, modulo espressivo. "Blanket", il nuovo album degli Urban Species, è un disco che sembra appartenere a questa seconda categoria. Per chi si era fatto fulminare dall’ascolto e dall’acquisto del precedente "Listen" non sarà difficile farsi irretire da brani come "Blanket", "Woman" e vari altri, in cui Mintos egregiamente si mette in mostra come fine dicitore di altrettanto carismatiche liriche. Però - e sembra essere un fatto - il ‘magico’ non abita qui. In definitiva sono trascorsi tre anni dall’uscita del precedente lavoro eppure il percorso artistico degli Urban Species non sembra aver fatto grossi passi in avanti: al contrario, il suono, affianco ad una naturale capacità di aggiornarsi, è diventato però più anonimo e prevedibile. Maggiori gli spunti pop-jazz che alla fine sembrano soltanto citazioni del passato, minori i momenti di rap che sull’altro album regalavano entusiasmo, "Blanket" può continuare a risultare un album ‘ballabile’ per una scena che però nel frattempo ha cambiato radicalmente i propri punti di riferimento. Peccato per Mintos, la sua era musica con l’anima, in "Blanket" oscurata però da troppa confusione e inutilità.

Tracklist:
1. "Changingoftheguard" (featuring Terry Callier)
2. "Destructive"
3. "Blanket" (featuring Imogen Heap)
4. "Iwonder"
5. "Woman"
6. "Predictablyunpredictable" (featuring Imogen Heap)
7. "Rockstar"
8. "Religionandpolitics" (featuring Terry Callier)
9. "Realitycheck" (featuring Taipanic from Blak Twang & MC Mell’O’)
10. "Tomorrowpeople"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.