«LOVE AND PAIN - Sarah-Jane Morris» la recensione di Rockol

Sarah-Jane Morris - LOVE AND PAIN - la recensione

Recensione del 07 mag 2004

La recensione

Il precedente “August”, nato da una furtiva session di studio con il chitarrista Marc Ribot, era un gioiellino immeritatamente snobbato nei referendum dei migliori dischi del 2002 (ma in realtà era uscito un anno prima). La Morris, leonessa di lungo corso del soul pop inglese, lo presentava in concerto insieme a molte delle canzoni che oggi ritroviamo, non poco rimaneggiate rispetto alla versione live, in questo “Love and pain”. Un ritorno su binari più consueti e prevedibili, vien subito da dire con un certo rammarico: per quanto la produzione, di cui la stessa Sarah-Jane si è incaricata al fianco di Martyn Barker e di Callum MacColl (figlio del leggendario cantante folk Ewan e fratello della scomparsa Kirsty), risulti calibrata, mai sopra le righe e anche discretamente inventiva.
Se la si paragona a quel che offre il panorama soul dance/nu r&b contemporaneo, insomma, la Morris può starsene comodamente seduta una spanna sopra tante più giovani, avvenenti e accreditate colleghe. Peccato che non abbia voluto insistere nel minimalismo in bianco e nero e nell’esplorazione della vena autorale, elegante ed essenziale, del disco precedente. Ma tant’è: “Love and pain” resta un disco molto più stuzzicante del superprodotto “Fallen angel”, per dire, e che vale comunque la pena di ascoltare. Soprattutto per le ballate: una, ispirata al gruppo canadese dei Cowboy Junkies (da cui prende il titolo), ne replica in toni più morbidi e pop il sapore agrodolce e autunnale delle melodie; e colpisce nel segno anche “Innocence”, belle chitarre acustiche (suonate da MacColl), tin whistle irlandese e gli archi del Quartetto (tutto femminile) Barueco, abituato a spaziare dal barocco ad Astor Piazzola ed incisiva presenza italiana in un disco a cui ha lavorato a Firenze anche l’ingegnere del suono Lorenzo “Moka” Tommasini. Timbro vocale androgino , all’occorrenza ammiccante e sboccata secondo gli insegnamenti di tante maestre del genere (da Etta James a Millie Jackson), Sarah-Jane sguazza a pieno agio tra le pieghe sensuali e autobiografiche di “Mad woman blues” (il libero fraseggio del testo le dà occasione di piazzare una gran performance vocale) e di “It’s Jesus I Love” (dove confessa di sentirsi una “dirty woman”: “E’ Gesù che amo, ma stasera ho bisogno del diavolo!”). Una donna blues, la Morris, a dispetto delle lentiggini e della fulva chioma. Che esprime una naturale empatia con l’arte sofferta di Janis Joplin (avrebbe anche dovuto interpretarne il ruolo in uno dei film di prossima uscita che hanno per soggetto la vita travagliata della texana): “La vita non è facile, Janis, né per te né per me”, canta citando la celeberrima “Summertime” in fondo a una ballata rock elettroacustica che parla, con gusto inequivocabilmente inglese, di cavalli e scommesse (“A horse named Janis Joplin”) approfittandone per celebrare la soul woman bianca di Woodstock e Monterey .
Discreti e sottotraccia nei titoli citati, i ritmi danzerecci e i loop elettronici salgono in superficie nei tempi veloci che occupano l’altra metà del disco. E se su “Love and pain” aleggia un’atmosfera minacciosa e arcana grazie al didgeridoo suonato dal marito David Coulter e alle distorsioni di una chitarra elettrica, “I get high” sforna invece una coda fiatistica pilotata dal trombone di Annie Whitehead, veterana di mille dischi British jazz. “Nothing comes from nothing”, il ritornello più immediato, parte come una dance balearica per poi ricordare da dove nasce Lisa Stansfield, e un analogo sapore anni ’80 (periodo Communards o giù di lì) arriva con “Arms of an angel”.
“Love and pain” è un album di voce, come sempre: che la Morrris sa pescare nei più reconditi anfratti delle corde vocali e dell’anima, celebrando “l’essere donna attraverso le canzoni”, come spiega nelle note di copertina. Magari a volte si lascia scappare qualche birignao di troppo: per esempio in “Blind old friends”, ballata lounge di vago sapore brasiliano il cui “demo” era stato incluso nel succitato “August”. Proprio il disco che aveva dimostrato cosa può fare la signora Morris con il suo splendido strumento naturale, se non gli si cuce troppa stoffa musicale intorno.
(Alfredo Marziano)

TRACKLIST

01. Love and pain
02. I get high
03. Cowboy Junkies
04. Innocence
05. Nothing comes from nothing
06. Arms of an angel
07. Mad woman blues
08. It’s Jesus I love
09. Blind old friends
10. Once in every while
11. A horse named Janis Joplin
12. Fields of wheat
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.